facebook twitter rss

Pinturetta bella a metà,
il Montecosaro strappa un punto

PROMOZIONE - Andrea Mancini la apre su rigore, ma nella ripresa gli elpidiensi si fanno male da soli con l'autorete del tutto fortuita di Alessandro Vergari. Nel finale Spagna colpisce un palo che salva il risultato. Proteste giallorosse per un rigore non fischiato sullo 0-0
Print Friendly, PDF & Email

PORTO SANT’ELPIDIO – La Pinturetta continua ad essere afflitta dalla sindrome dei secondi tempi. Anche questa volta il vantaggio maturato nella prima frazione si rende vano nei secondi quarantacinque minuti. Una partita tutto sommato ricca di emozioni con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto. I rivieraschi mangiucchiano un punto alla Futura 96, uscita sconfitta dal derby con la Sangiorgese, mentre il Montecosaro resta in scia al treno playoff.

IL TABELLINO

PINTURETTA 1 (4-3-1-2): Luca Vallesi; Mosca (38′ st Verdecchia), Cardinali (21′ pt Gobbi), Alessandro Vergari, Benigni; Eros Vergari (8′ st Cancellieri), Matteo Olivieri, Dragjoshi (45′ st Postacchini); Mancini; Spagna, Marilungo (29′ st Matteo Vallesi). A disposizione: Sagripanti, Gobbi, Rakipi. All. Daniele Fontana

MONTECOSARO 1 (4-3-1-2): Torresi; Squarcia, Benfatto, Marziali, Albanesi; Rapacci, Cozzi, D’Angelo; Pietrella; Tramannoni (26′ st Ercoli), Ulivello (33′ st Pistelli). A disposizione: Gentili, Del Gobbo, Luca Baiocco, Bartolini, Mazzante. All. Andrea Mazzaferro

RETI: 39′ pt Mancini, 6′ st autogol Alessandro Vergari

ARBITRO: Deborah Bianchi di Prato; assistenti Emanuele Alesi di Ascoli Piceno, Roberto Traini di Ascoli Piceno

NOTE: Ammoniti Ercoli, Alessandro Vergari, Matteo Vallesi, Spagna, Mancini; corner 3-4; recupero 3’+4′

LA CRONACA

Al Belletti di Porto Sant’Elpidio va in scena una sfida dagli alti risvolti di classifica. La Pinturetta Falcor per puntare alla salvezza, il Montecosaro per il sogno playoff. Le squadre scendono in campo in maniera speculare. I locali schierano un 4-3-1-2 con Mancini alle spalle di Marilungo e Spagna. Gli ospiti, in maniera quasi identica, rispondono con un centrocampo a rombo con Cozzi vertice basso del centrocampo, Rapacci e D’angelo rispettivamente alla destra e alla sinistra e Pietrella vertice alto a dar man forte al tandem Tramannoni – Ulivello.

I padroni di casa partono subito forte applicando un pressing alto e al 4′ sfiorano il vantaggio con uno schema da corner nel quale Spagna imbecca Mancini al limite dell’area che con il mancino costringe Torresi agli straordinari. Al 18′ la Pinturetta è costretta alla sostituzione. Dopo uno scontro tra Cardinali e Luca Vallesi, nel quale il primo copre la palla dal pressing di Ulivello e il secondo esce per far sua la sfera, il difensore ha la peggio e abbandona il campo in barella. Presumibile una distorsione al ginocchio con interessamento dei legamenti, ma solo gli esami strumentali dei prossimi giorni potranno dire di più sull’entità dell’infortunio.

Al 27′ sull’out di sinistra Spagna brucia Squarcia nell’uno contro uno e si invola verso Torresi il quale allontana il diagonale mancino dell’attaccante rossoblu con i piedi. Alla mezzora il Montecosaro recrimina due calci di rigore nel giro di sessanta secondi: prima per un tocco di mano di Alessandro Vergari poi per un atterramento di Ulivello, ma in entrambi i casi l’arbitro lascia correre. Al 35′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo D’Angelo pesca Squarcia in area, il quale prova la volee mancina ma svirgola.

Tre minuti più tardi Spagna, imprendibile, sfida Albanesi in velocità, il terzino sinistro del Montecosaro atterra l’attaccante rivierasco in area e, sebbene la signorina Bianchi di Prato cincischi per qualche istante, risulta decisiva la segnalazione del secondo assistente Traini di Ascoli Piceno. Sul dischetto si presenta Mancini che infila con precisione nell’angolino alla sinistra di Torresi, nonostante il portiere intuisca. L’ultimo sussulto della prima frazione è ad opera di Cozzi che servito da D’Angelo conclude dal limite testando la reattività di Vallesi.

Nella ripresa il Montecosaro, ferito, prova la reazione. Dopo soli tre minuti D’Angelo dalla sinistra pennella per Tramannoni che non si accorge di essere in area senza marcature e riesce solo a spizzare la sfera senza inquadrare lo specchio. Tuttavia queste sono solo le prove generali del gol che puntuale arriva tre minuti più tardi quando su un calcio d’angolo teso battuto da D’Angelo, Alessandro Vergari trova la deviazione sfortunata nel proprio sacco. Al 63′ Cozzi verticalizza per Ulivello, il quale al limite dell’area fa da sponda per Pietrella che a sua volta calcia con il mancino, ma trova la pronta risposta di Vallesi che in tuffo plastico mette in corner. Il Montecosaro si fa sempre più insistente e sette minuti più tardi ancora dall’asse Ulivello – Pietrella nasce un nuovo brivido per gli elpidiensi: dalla destra Ulivello rientra sul sinistro e scodella in area per Pietrella che al volo, in mezza sforbiciata, costringe Vallesi al colpo di reni.

Alla mezzora Mosca verticalizza per Mancini che elude la trappola del fuorigioco, lascia rimbalzare il pallone e con il mancino esplode in porta, Torresi interviene allungando la sfera sull’esterno, dove sta arrivando Spagna che in allungo non riesce nella ribattuta a rete. Pochi istanti dopo la Pinturetta suda freddo in due diverse occasioni: prima (82′) quando Ercoli con il destro impegna Vallesi da fuori area, poi quando Pietrella si illumina, vede Vallesi fuori dai pali e da centrocampo prova un colpo di genio, tuttavia il pallonetto risulta della potenza giusta ma dalla mira rivedibile. L’ultimo pallone caldo dell’incontro capita sui piedi di Spagna che se ne va in velocità e davanti a Torresi con il sinistro va ad impattare in pieno il palo. Termina 1-1 con un finale di gara molto acceso che presumibilmente porterà a sanzioni pesanti.

Leonardo Nevischi

Fotogallery del match

Il Montecosaro

La Pinturetta Falcor

L’infortunio di Matteo Cardinali nel primo tempo

La sequenza del rigore di Andrea Mancini

Mister Mazzaferro cerca spiegazioni in merito al rigore non concesso al Montecosaro

Dopo il triplice fischio una mano di Benfatto sul collo di Spagna dà il via ad una vera e propria corrida con protagonisti Eros Vergari e Matteo Ardito, vice di Mazzaferro, su tutti


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti