facebook twitter rss

La città di Montegranaro
abbraccia le campionesse
del Guardolificio Diomedi

SOFTBALL - Sabato alle 11.00 squadra e società sportiva incontreranno la municipalità veregrense presso la relativa sala consiliare. Nel pomeriggio, festa a tutto tondo al diamante di gara per la prima di Coppa Italia nel rinnovato circuito di Serie A1
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente Luciano Caminonni in trionfo

MONTEGRANARO – Sabato alle 11.00, nella Sala consiliare di Palazzo Francescani, la Guardolificio Diomedi Baseball e Softball incontrerà la città dopo la promozione in serie A1.

“Siamo orgogliosi di tornare ad incontrare questa realtà sportiva – commenta il sindaco Ediana Mancini – che negli anni ha onorato Montegranaro fino a raggiungere un importante traguardo come la conquista della massima categoria. Oltre alle straordinarie atlete, un grazie particolare va ai responsabili della squadra per il loro impegno sia sul versante sportivo che su quello sociale, con un pieno coinvolgimento dei giovani e, elemento non secondario, per un’elevata capacità organizzativa di manifestazioni anche di respiro internazionale”.

Con il successivo trasferimento al campo di baseball, la giornata di sabato, oltre che da un pranzo associativo, sarà arricchita dai giochi gonfiabili per bambini (ore 12.00) e dall’esibizione della formazione hip hop degli Oregon Tape Crew (ore 16.45). Al termine Francesco Bettucci, campione d’Italia di Atletica Master 70, lancerà la prima palla dell’incontro di Coppa Italia A1 di Softball che vedrà contrapposte Montegranaro e la Tecnolaser Europa Pianoro.

“Dopo la doppietta Coppa Italia di A2 e promozione in A1 – aggiunge il vice sindaco e assessore allo sport Endrio Ubaldi – l’auspicio è che si possa ottenere una salvezza tranquilla e portare sempre più in alto il nome della nostra città, da sempre custode di società serie e ben strutturate in ogni disciplina sportiva, come dimostrato concretamente dalla stessa realtà di baseball e softball, per la quale rinnoviamo il ringraziamento al patron Luciano Caminonni unitamente ai suoi validissimi collaboratori”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti