facebook twitter rss

La strada per Montegallo
chiusa da due anni
«Ora siamo stufi,
ci incateneremo sulla Salaria»

POST SISMA - Dal fatidico 24 agosto un tratto basilare della SP 89 è impercorribile per "caduta massi". Prima con una transenna di facile "rimozione", ora con blocchi di cemento. Sale la protesta dei montegallesi: «Le nostre zone stanno morendo, inaccettabile essere abbandonati così»
giovedì 26 aprile 2018 - Ore 13:22
Print Friendly, PDF & Email

Il punto di chiusura della SP 89

di Luca Capponi 

C’è chi minaccia di incatenarsi lungo la Salaria, chi invece è pronto a chiamare “Striscia la notizia”. Il motivo, la semplice sopravvivenza. Sì perché da queste parti, dove il terremoto ha colpito forte spopolando e desertificando, si fa fatica ad andare avanti. Ed una strada come la SP 89 diventa vitale. Peccato che un tratto fondamentale sia chiuso da quel fatidico 24 agosto 2016. E che Montegallo, anche per questo motivo, sia sempre più isolata dal resto del mondo, tra chi rinuncia direttamente ad arrivarci, attività che perdono lavoro e prenotazioni (anche in vista degli imminenti 25 aprile e 1 maggio), turismo ridotto allo zero e abitanti costretti a percorrere decine di chilometri in più per raggiungere le vie principali.
La strada in oggetto è quella che, salendo da Arquata, incontra il bivio per Castelluccio: a sinistra si va per Forca di Presta (riaperta da poco), a destra si verso Balzo di Montegallo transitando per il Passo del Galluccio. Quest’ultima arteria, fondamentale anche per diversi altri comuni (Comunanza, Amandola, Montemonaco) era chiusa con una semplice transenna a causa del pericolo massi e dello stato non proprio brillante di alcuni punti. Poteva transitarci chi aveva un permesso di lavoro, ma alla fine spostando la transenna la strada risultava comunque “aperta”.
«Venerdì è stata chiusa con catene e blocchi di cemento, un provvedimento inaccettabile per un territorio in grande sofferenza da due anni. -spiega il vicesindaco Tiziano Pignoloni- Un provvedimento che giustamente ha fatto arrabbiare tanti cittadini e a cui ci opponiamo. La strada è di proprietà della Provincia ma la gestione dell’appalto è dell’Anas. Chiediamo a loro che venga fatto qualcosa nel breve, è da troppo tempo che aspettiamo lavori che non cominciano mai».

«Dire che siamo arrabbiati è un eufemismo» attacca Francesca Lori, che vive nella frazione di Pistrino, unica rimasta lì insieme al marito ed alla figlia. «E’ una situazione intollerabile soprattutto per chi ha subito i mille problemi del terremoto. Se teniamo chiusa questa strada qui finisce tutto. La caduta massi non può essere un motivo, visto che ci sono da sempre come in tutti i luoghi di montagna. Denunceremo questa situazione in ogni sede, anche a costo di incatenarci. Montegallo sta morendo e non può aspettare ancora, ci costringono a mollare ma non lo faremo».

Nel frattempo sembra stia per nascere anche un comitato spontaneo formato da chi chiede a gran voce la riapertura del tratto inriminato. In molti si dichiarano indignati e promettono altre eclatanti azioni. Non basterà sicuramente una catena e mettere in catene la volontà di andare avanti della gente di Montegallo.   

 

L’immagine di un’attività chiusa a Balzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X