facebook twitter rss

Volantinaggi, assemblee e confronti con i prefetti: uno sciopero per chiedere più sicurezza sul lavoro

MARCHE - Tutti gli appuntamenti organizzati da Cgil, Cisl e Uil per la giornata di venerdì 25 aprile. A Fermo dalle ore 16 volantinaggio in Piazza del Popolo
Print Friendly, PDF & Email

Venerdì 25 aprile, in occasione dello sciopero proclamato da Cgil, Cisl e Uil per la sicurezza sul lavoro, si terranno varie iniziative nelle Marche.

FERMO

Dalle ore 16 in poi ci sarà un volantinaggio in Piazza del Popolo.

ASCOLI PICENO

Una delegazione sindacale sarà ricevuta dal Prefetto.

MACERATA
Previste assemblee e volantinaggio.

ANCONA E JESI

Ad Ancona volantinaggio in piazza Roma e piazza D’Armi dalle ore 9.30 alle ore 12, a Jesi nell’area Zipa.

PESARO

Presidio con volantinaggio a Piazza Collenuccio, dalle 16 alle 18 e alle 16.30 una delegazione sindacale incontrerà il Prefetto.

Sul fronte dello sciopero, i dipendenti degli impianti fissi delle Ferrovie dello Stato, di officine meccaniche, della manutenzione, delle biglietterie degli uffici Dtp di Ancona e degli Uffici Trenitalia hanno già dato adesione.

Per quanto riguarda i lavoratori di Aerdorica, avendo già in programma lo sciopero del 26 maggio, la questione della sicurezza sul lavoro sarà inserita tra le priorità in quell’occasione. Alla Conerobus, invece, oggi si terrà un’assemblea sindacale.

Per il settore merci e logistica, i dipendenti della Di.Me, che lavora in appalto alla Bartolini, hanno già dato la propria adesione allo sciopero. In questi giorni, si sono svolte assemblee nei luoghi di lavoro. Nei prossimi giorni, ci saranno iniziative nei settori pubblici e nei servizi essenziali.

“Con la fermata di due ore – spiegano i referenti dei sindacati – Cgil, Cisl e Uil chiedono ai datori di lavoro pubblici e privati d’investire in salute e sicurezza e di rendere centrale il tema nella contrattazione con le Rsu, alla Regione di convocare gli Stati generali della prevenzione per rilanciare interventi ad hoc e di destinare almeno il 5% della spesa sanitaria alla prevenzione.

Inoltre, Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiori risorse per le attività di controllo e della sicurezza nei luoghi di lavoro aumentando il personale dei servizi di vigilanza Spsal, all’Inail i sindacati chiedono più risorse per la formazione dei lavoratori.

E ancora: Cgil, Cisl e Uil chiedono alle istituzioni di rafforzare le iniziative a sostegno dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e di fermare gli appalti al massimo ribasso e il lavoro precario e povero.

Con lo sciopero, i sindacati avviano una nuova fase di impegno sui temi della sicurezza, che porterà nei prossimi mesi ad una manifestazione regionale”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti