facebook twitter rss

Guardolificio Diomedi
e Tecnolaser Europa
chiudono in pareggio

SOFTBALL - Le ragazze della Serie A1 femminile di Montegranaro impattano in trasferta al cospetto della compagine di Pianoro. Alle locali la prima sfida, verdetto ribaltato a favore delle calzaturiere nel remake del primo match di giornata
Print Friendly, PDF & Email

Il Guardolificio Diomedi di Montegranaro

MONTEGRANARO – Nuovo appuntamento con il softball femminile di Serie A1 quello andato in onda sabato scorso. Le veregrensi del Guardolificio Diomedi hanno impattato al cospetto della Tecnolaser Europa, compagine di Pianoro. Una sfida per parte l’esito del match settimanale, con le locali a ribaltare la sorte avversa nel remake del primo appuntamento sportivo di giornata.

Avvio di contesa con McKenna Bull in pedana a vedersela contro Luana Luconi (poi rilevata da Kimberly Reeder). Le lanciatrici tengono in pugno la partita, soprattutto l’americana delle bolognesi e l’unico punto arriva al terzo: singolo a destra di Beatrice Castraberti che poi avanza fino in terza base per un errore di tiro del catcher marchigiano e, con un singolo di Giulia Mattioli, corre a casa. La reazione del Montegranaro arriva dopo un doppio di Cameron Prantl ed in apertura le marchigiane riempiono le basi, ma la Bull è decisamente dominante e la prima gara finisce così sull’1-0.

In gara 2 per Montegranaro si alternano ancora Luconi e Reeder, mentre il Pianoro manda in pedana Alice Ronchetti che subisce immediatamente un punto, concedendo una base ball ad Agnese Pietroni con le basi piene. La gara corre sul filo dell’equilibrio fino al sesto inning, quando le ospiti segnano ancora con Anna Mancini su errore difensivo, dopo un singolo di Pietroni, e poi con Anna Mancini su valida di Emma Fagioli. Al cambio campo Pianoro accorcia con i singoli di Giada Giannini ed Eva Trevisan, ma ciò non basta ad evitare la riscossa fermana con la sfida che termina così sul 3-1 per la Diomedi.

p. g. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti