facebook twitter rss

Aggressione al carabiniere:
convalidato l’arresto del cittadino nigeriano,
nuovi accertamenti medici per il militare ferito

FERMO - L'extracomunitario è stato condotto presso il carcere di Fermo. Assente il carabiniere, rappresentato dall'avvocato Alessandro Ciarrocchi, in degenza a casa seguito delle lesioni riportate
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Il luogo dell’aggressione

E’ terminato alle 14.30 di oggi il processo in direttissima per la convalida dell’arresto del nigeriano che ieri pomeriggio ha aggredito e ferito il carabiniere della Compagnia di Fermo Gianluca Giaccio procurandogli lesioni per una prognosi di 15 giorni. Udienza che si è svolta  davanti al  giudice del Tribunale di Fermo Giuseppe Molfese. E’ stato convalidato l’arresto del nigeriano al quale è stata stata applicata, su richiesta del Pm, la custodia cautelare in carcere. L’uomo è stato portato dunque nella casa circondariale di Fermo. Le accuse: resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Pomeriggio che si è aperto con la fase di convalida e  con la relazione delle forze dell’ordine di carabinieri e polizia operanti durante il momento dell’arresto di ieri. Interrogato anche il nigeriano. E’ iniziato il giudizio direttissimo.

L’avvocato del nigeriano Paola Beleggia

A difendere il cittadino extracomunitario l’avvocato Paola Beleggia che ha chiesto un termine per preparare la difesa. Il giudice ha rinviato al 20 settembre. Assente il carabiniere Gianluca Giaccio che si trovava in degenza domiciliare in attesa di ulteriori accertamenti diagnostici per la lesione ai legamenti del ginocchio destra. Militare aggredito che era rappresentato in udienza dall’avvocato Alessandro Ciarrocchi che ha preannunciato la costituzione di parte civile.

L’avvocato Alessandro Ciarrocchi difensore del carabiniere aggredito

L’ appuntato scelto del nucleo radiomobile di Fermo, aggredito ieri pomeriggio da un ragazzo di origini nigeriane in preda all’alcol (leggi l’articolo) era intervenuto insieme a un collega, in via Tirassegno a seguito di una segnalazione da parte di alcuni residenti, nell’identificare il giovane ubriaco, è stato aggredito da quest’ultimo riportando delle lesioni ai legamenti del ginocchio, con interessamento della rotula, e alla caviglia che i medici hanno ritenuto curabili in due settimane.

Il ragazzo di origini nigeriane, era uscito alcuni mesi fa dal programma di inserimento e in attesa dell’accettazione della pratica relativa alla richiesta d’asilo. Un extracomunitario regolare che viveva insieme ad altri cittadini extracomunitari in un’abitazione di viale Trento-

Fermato per un controllo, extracomunitario ferisce alla gamba un carabiniere


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X