facebook twitter rss

Disturbi dell’apprendimento: sala gremita all’auditorium Della Valle

SANT'ELPIDIO A MARE - Interessante serata con le esperte dell'Osservatorio permanente sui disturbi specifici dell'apprendimento, organizzata in collaborazione con associazione Arcobaleno e Comune di Sant'Elpidio a Mare
Print Friendly, PDF & Email

Numerosa la partecipazione all’incontro organizzato dall’Osservatorio permanente sui disturbi specifici dell’apprendimento della provincia di Fermo in collaborazione con il comune di Sant’Elpidio a Mare e l’associazione Arcobaleno genitori per la scuola, all’Auditorium Della Valle di Casette d’Ete, per presentare le linee guida sui disturbi specifici dell’apprendimento. Le relatrici Lucia Iacopini, Simona Tosoni e Marzia Buccioni hanno illustrato alle famiglie le buone prassi relative ai disturbi dell’apprendimento portandole a conoscenza di un servizio attivo a livello provinciale e volto a sostenerle di fronte a concreti bisogni dei ragazzi, grazie alle competenze specifiche di ciascuno dei soggetti coinvolti.

Nel corso della serata ai presenti è stata distribuita una brochure – che nei prossimi giorni arriverà ad alunni e docenti delle classi prime e seconde elementari del territorio, oltre che alle prime di tutte le scuole medie e superiori – che è il frutto del lavoro svolto negli ultimi anni dall’Osservatorio. Un lavoro complesso che fissa i principali comportamenti, definizioni e servizi legati a disturbi che vanno in primi riconosciuti, poi tutelati per restituire serenità al ragazzo e garantirgli il suo diritto allo studio.

L’assessore alle politiche giovanili del Comune, Stefano Berdini, ha portato il saluto del Presidente della Provincia Moira Canigola, della dirigente scolastica Teresa Santagata e del sindaco Alessio Terrenzi impegnato in Consiglio Comunale. “Abbiamo voluto organizzare, assieme alla provincia, questo incontro nella consapevolezza di quanto sia importante fornire alle famiglie i giusti strumenti per meglio conoscere i disturbi specifici dell’apprendimento e far sapere loro che c’è un servizio di supporto di fondamentale importanza nella nostra provincia. Sono anche assessore alle manutenzioni: quando c’è qualche cosa da sistemare basta chiamare l’ufficio tecnico e si provvede, ma quando si parla di giovani, di studenti e delle loro difficoltà nell’apprendimento non è così semplice. E’ bene che le famiglie sappiano di poter contare su un servizio a loro supporto e ritengo che la brochure messa a punto dall’Osservatorio sia un ottimo strumento per meglio conoscere i disturbi e sapere come affrontarli”.

La dott.ssa Tosoni, coordinatrice Area riabilitativa A.V. 4 Asur, ha fornito esaurienti spiegazioni ai presenti usando un linguaggio tecnico professionale ma comprensibile anche a chi fosse digiuno in materia. Lucia Iacopini, presidente Aid sez. di Fermo, pedagogista esperta di psicopatologia dell’apprendimento e formatrice Aid, ha presentato il gran lavoro di squadra portato avanti dall’Osservatorio sottolineando come sia proprio il saper fare rete la chiave di volta nell’affrontare situazioni di disagio con l’unico obiettivo comune: lavorare tutti insieme, ognuno per quanto di sua competenza, per il bene dell’alunno o dell’alunna. Marzia Buccioni, professoressa Ipsia referente Dsa, ha raccontato l’esperienza della scuola in cui lavora. Tre punti di vista che si sono perfettamente integrati l’uno con l’altro per lanciare un messaggio ben preciso ai presenti: le famiglie non sono sole e grazie alle informazioni fornite dalle tre professioniste nel corso della serata sono, oggi, sicuramente più informate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti