facebook twitter rss

Partito il countdown per salutare il 2018,
occhio ai botti di Capodanno: la polizia
tra controlli e raccomandazioni (Video)

FUOCHI D'ARTIFICIO - Dalla questura: "Negli ultimi 5 anni, anche grazie alle campagne della Polizia di Stato, non si sono registrati decessi durante la notte di Capodanno. Vi è stato tuttavia un incremento del numero dei feriti durante i festeggiamenti. Da 6 del 2017 a 11 nel 2018"
lunedì 31 Dicembre 2018 - Ore 11:49
Print Friendly, PDF & Email
I video della Polizia di Stato con De Sica, Boldi e Lillo&Greg sui botti di Capodanno

di redazione CF

(video dal sito www.poliziadistato.tv)

E’ iniziato il countdown per i festeggiamenti dell’ultimo giorno del 2018.
Anche quest’anno la Polizia di Stato è fortemente impegnata nella campagna d’informazione e sensibilizzazione sull’uso corretto e consapevole dei fuochi artificiali, con 4 testimonial d’eccezione: Lillo & Greg e la ritrovata coppia Boldi De Sica.
Gli attori, con il loro modo ironico, nei tre spot presenti sulle piattaforme social della Polizia di Stato, mandano un messaggio forte contro l’utilizzo dei fuochi illegali che può provocare anche gravi danni fisici.

Negli ultimi 5 anni, anche grazie alle campagne della Polizia di Stato sui ‘botti’, non si sono registrati decessi durante la notte di Capodanno. Vi è stato tuttavia – ricordano dalla questura di Fermo – un incremento del numero dei feriti, soprattutto a causa di armi da fuoco, durante i festeggiamenti del Capodanno scorso. Da 6 del 2017 sono passati ad 11 nel 2018.
E’ tra i minori che si registra un implemento del dato complessivo dei ferimenti: 50 rispetto ai 48 dell´anno precedente.
Ancora una volta gli episodi più gravi devono essere ricondotti all’uso sconsiderato di prodotti pirotecnici illegali e all’uso improprio di armi da fuoco.
Nei giorni che precedono le festività e i festeggiamenti di fine anno le forze dell’ordine sono state e sono oggi, appunto, impegnate a controllare e a sequestrare il materiale pericoloso e non conforme alla normativa vigente“.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X