facebook twitter rss

“Blocchiamo lo scempio delle Ferrovie”
La Lega spinge per il fronte
comune con la maggioranza

PORTO SAN GIORGIO - Il consigliere di minoranza Marinangeli contro il progetto di installazione di pannelli fonoassorbenti. Al sindaco Loira la richiesta di un Consiglio comunale aperto
Print Friendly, PDF & Email

Marco Marinangeli

“Bloccare immediatamente lo scempio proposto da Rfi rete ferroviaria italiana”: è la richiesta di Marco Marinangeli, capogruppo della Lega in Consiglio a Porto San Giorgio. Il consigliere di opposizione spinge per un fronte comune tra maggioranza e minoranza per bloccare il progetto di Rfi per la mitigazione del rumore, derivante dal traffico ferroviario.

“Diventerà a breve esecutiva una decisione assunta dal Ministero dell’Ambiente del 2000 – ricorda Marinangeli – che prevede l’installazione di pannelli fonoassorbenti in metallo alti 7,50 metri lungo l’asse ferroviario, in 26 comuni costieri delle Marche. Opera così come proposta, inaccettabile, impattante da un punto di vista paesaggistico e ambientale, un vero e proprio muro che impedirà la vista del mare e peggiorerà la qualità dell’aria impedendo una libera e naturale circolazione del vento. Una ricaduta negativa sul valore degli immobili posizionati lungo l’asse ferroviario e immagine turistica danneggiata. Ora formuliamo insieme, come città di Porto San Giorgio, la nostra contrarietà a questo progetto da trasferire con immediatezza presso la Regione Marche e ridiscutere modalità progettuali diverse e innovative per risolvere i problemi legati al rumore. Come Lega solleciteremo i nostri rappresentanti al governo per ridiscutere questa ipotesi proposta da Rfi e nel frattempo chiederemo al sindaco Loira un Consiglio comunale aperto per coinvolgere i cittadini sangiorgesi. No alle barriere, si alla bellezza del nostro mare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti