facebook twitter rss

I rifugiati dello Sprar ciceroni d’arte
per i bambini della Primaria

FERMO - I giovani alunni hanno visitato la mostra “Legni dal mare…. naufraghi del nulla” dell’artista Loredana Zampacavallo Lubes, allestita nella Chiesa di Sant’Antonio da Padova
Print Friendly, PDF & Email

Lo scorso gennaio si è tenuta la mostra allestita dall’artista Loredana Zampacavallo Lubes nella Chiesa di Sant’Antonio di Fermo dal titolo “Legni dal mare…. naufraghi del nulla”.

Le classi quarte della Scuola Primaria “Don Dino Mancini” hanno incontrato l’artista e i giovani rifugiati dello Sprar. I ragazzi immigrati hanno collaborato all’allestimento della mostra e hanno guidato le visite delle scolaresche.

La mostra si è svolta con la collaborazione del Progetto Sprar Era Domani (Coop. Nuovaricerca Agenziares), finalizzato all’inserimento in famiglia dei giovani immigrati di cui è titolare il Comune di Fermo. Abdoulaye, Kebba, Ousmane e Nasir sono i nomi dei giovani dello Sprar che hanno collaborato con l’artista Loredana ad allestire le installazioni della mostra sotto la sua direzione.

Loredana è un’artista che partecipa con tutta se stessa alla realizzazione di un’opera che vede oggetti inanimati prendere vita per rappresentare i sussulti e le sensazioni di chi ha vissuto naufragi o traversate pericolose e anche di chi osserva con coinvolgimento emotivo.

Inizialmente Loredana ha spiegato ai giovani rifugiati il senso della mostra e successivamente ha operato con essi il trasferimento dei legni e dei materiali presso la Chiesa di San Antonio. I legni sono stati preparati, c’è stata poi la raccolta in spiaggia della sabbia e infine l’allestimento definitivo in chiesa.

I bambini della Primaria, accompagnati dalle maestre Lucia Brocchi e Isabella Baldoncini hanno visitato la mostra e interagito con l’artista e con i rifugiati con numerose domande e curiosità. L’interesse suscitato è stato tale che il lavoro è stato ripreso a scuola dalle insegnanti con approfondimenti atti a sviluppare il senso civico e la cultura dell’accoglienza nei bambini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti