facebook twitter rss

The LEGO Movie 2:
arriva nei cinema un altro solido successo

Per gli appassionati di cinema la recensione di Eraldo Di Stefano
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il successo di The LEGO Movie (2014) e The LEGO Batman Movie (2017) arriva il terzo capitolo della serie di Phil Lord e Chris Miller, il duo di sceneggiatori che ha collezionato anche 21 Jump Street, Piovono polpette 2 e Spider-Man – Un nuovo universo, tra gli altri. La regia stavolta non è loro però, come era stato nel primo film del 2014, bensì di Mike Mitchell, ma la satira gentile e di buon umore rimane sullo stesso stampo del precedente.

Il film riprendere da dove il precedente capitolo si era interrotto. Dopo 5 anni dall’invasione degli alieni Duplo, la situazione non è delle migliori, con gli abitanti dell’universo LEGO che vivono in uno stato post-apocalittico nel quale è difficile resistere e sopravvivere. Tutti tranne Emmet (Chris Pratt), un normale piccolo LEGO che ha continuato a vivere normalmente e con felicità la sua esistenza, con il suo atteggiamento smaliziato e simpatico, che diventerà il nuovo eroe del film.

Quando la misteriosa aliena Generale Sconquasso rapisce Lucy e tutti i suoi amici per portarli al cospetto della malvagia regina Wello Ke-Wuoglio, sarà proprio lui ad intraprendere un viaggio spaziale per salvare loro e tutto il mondo LEGO.

Il film è contornato di canzoni orecchiabili e che fanno da adatto contorno all’atmosfera del film, che non diventa mia pesante o fuori luogo. Il placido messaggio morale, di armonia tra i vari mondi e tra i diversi esseri viventi è più serio e profondo, ma non è eccessivamente rilevante rispetto all’animazione così incredibilmente dettagliata e vivace.

di Eraldo Di Stefano


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti