facebook twitter rss

Coppa Italia, alla Paffoni
Omegna il trofeo di Serie B

FINAL EIGHT - Il primo atto finale di giornata ha visto trionfare al PalaSavelli di Porto San Giorgio la compagine di coach Ghizzinardi, lesta a replicare il successo del 2018 imponendosi sull'Amadori Tigers Cesena per 81-72
Print Friendly, PDF & Email

I piemontesi festeggiano la conquista della Coppa Italia di Serie B, un successo che fa il paio con la vittoria messa a segno anche nella recente edizione della stessa kermesse. griffata 2018

 

di Paolo Gaudenzi, foto Nunzia Eleuteri

PORTO SAN GIORGIO – Coppa Italia, atto finale, parte prima. Si è infatti disputata nel primo pomeriggio odierno la sfida decisiva ad incoronare la regina del basket italiano di Serie B, passante per la conquista delle relative Final Eight.

Al PalaSavelli (che al momento ospita la sfida tra Bologna e Treviso per il medesimo scettro ma di Serie A2) l’ha spuntata la Paffoni Omegna, quintetto che si ripete per il secondo anno consecutivo, bissando cioè  il successo del 2018, ed ora lesto ad imporsi sugli Amadori Tigers Cesena.

IL TABELLINO

AMADORI TIGERS CESENA 72: Battisti 20, Sacchettini 15, Raschi 11, De Fabritiis 10, Trapani 5, Brkic 5, Ferraro 3, Frassineti 2, Dagnello 1, Poggi 0, Filippo Rossi 0. All. Giampaolo Di Lorenzo

PAFFONI OMEGNA 81: Grande 15, Scali 13, Arrigoni 12, Balanzoni 10, D’alessandro 9, Samoggia 9, Cantone 8, Bruno 5, Gueye 0, Guala 0, Ramenghi 0, Bovio 0. All. Marcello Ghizzinardi

PARZIALI: 17-16, 13-25, 14-19, 28-21

LA CRONACA

I piemontesi menano subito le danze con Balanzoni, Arrigoni e Bruno; Cesena risponde con Sacchettini e Battisti. I minuti scorrono, i punti latitano fino al mini break dei Tigers che si portano avanti con Frassineti e Raschi. D’Alessandro e Samoggia siglano il vantaggio Paffoni, ma una bomba firmata De Fabritiis sulla sirena premia con un tenue più uno gli Amadori al primo stop. Si riprende con il filotto di sei punti nel segno di Cantone in quota alla Paffoni, e la tripla sganciata da Samoggia manda definitivamente in quota Omegna per un più sette, che diventa un vantaggio da doppia cifra alla pausa lunga (più undici).

Tale inerzia prosegue con la ripresa dei giochi: la doppia tripla di Grande e il canestro di Scali segnano il solco che misura, ora, ben venti punti di vantaggio (50-30 al 24′). Cesena oltre a subire i colpi altrui è del tutto sterile in fase offensiva. A limitare il passivo ci pensano così Raschi e Ferraro con due bombe (meno quattordici) ma la Paffoni non molla oltre e chiude il terzo periodo avanti di sedici. Un quoziente realizzativo che supera i venti (precisamente ventitré) nell’ultimo decisivo quarto, grazie ai punti di Scali e Grande. L’Amadori affida le proprie flebili speranze di rimonta a Trapani, Battisti e Sacchettini ma la sorte del match è segnata: finisce 81-72. 

Coach Ghizzinardi porta quindi a casa la rinnovata emozione della conquista del trofeo dopo quanto accorso lo scorso anno a Jesi. Tra i piemontesi da segnalare le performance di Grande, mvp Lumicom della kermesse grazie ai 15 punti, 6 rimbalzi e 4 assist messi sul piatto. Buona anche la prova di Scali, che farà la strada verso il nord Italia come miglior giocatore under 21 grazie ai suoi 13 punti. Non da meno anche capitan Arrigoni (12 punti e 3 rimbalzi), Balanzoni (10), Samoggia e D’Alessandro. Per l’Amadori si segnalano i 20 di Battisti ed i 15 di Sacchettini.

 

Fotogallery

Il dopo gara, con le premiazioni singole e di squadra

 

Articolo correlato: 

La De’ Longhi Treviso conquista la Coppa Italia 2019

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X