facebook twitter rss

Un sodalizio di successo tra l’alberghiero
“Carlo Urbani” e Tipicità

PORTO SANT’ELPIDIO - Una collaborazione in atto da tempo tra le due realtà locali ma che migliora sempre più in qualità, percorsi esperienziali e concreti risultati di successo come quello di ieri sera in cui gli studenti dell’alberghiero, accanto allo chef Enrico Mazzaroni, hanno brillato nella preparazione della seconda cena di gala di Tipicità.
Print Friendly, PDF & Email

 

di Nunzia Eleuteri

La seconda giornata di Tipicità si è conclusa con la cena “Eccellenze di Marca” all’Istituto “Carlo Urbani” di Porto Sant’Elpidio. A guidare gli studenti dell’alberghiero, i docenti Enrico Maria Rimbano e Sabrina Attanasio. Ai fornelli lo chef Enrico Mazzaroni che con queste parole ha salutato gli oltre novanta ospiti, tra imprenditori e autorità, invitati dal direttore di Tipicità, Angelo Serri:

“Sono onorato di essere qui. Come sapete dopo il sisma, il mio lavoro è a Porto Recanati a ‘Il tiglio in vita’. Da febbraio scorso ‘Il tiglio’ di Montemonaco ha riaperto con un bravo cuoco e ne sono molto molto contento. Io ho dato la parola che sei rimasto a Porto Recanati e, come uomo di montagna, la mia parola è garanzia. Questa sera proverete proprio i piatti storici che preparavamo a Montemonaco circa 10 anni fa: materia prima del territorio ma con una sorta di rivisitazione.”.

Il menù è stato così presentato dalla docente dell’alberghiero, Sabrina Attanasio, che già aveva dato prova di affidabilità e bravura in Albania durante la missione di Tipicità in occasione della settimana della cucina italiana nel mondo dove gli studenti del “Carlo Urbani” hanno svolto un lavoro da veri professionisti.

Gli antipasti “poveri” (patata sotto la cenere e uovo con il ragù di lonza) hanno preceduto il primo di chitarrine al burro e alici e il secondo di carne, uno stracotto di maiale. Per finire, un semifreddo di arance e mandorle. Ogni pietanza è stata accompagnata dai vini della cantina Castrum Morisci. Un menù che è stato molto apprezzato sia per i sapori della tradizione sia per la cura nella presentazione.

 

Tra i tavoli, perfettamente imbanditi in una sala mensa del polo scolastico elpidiense da fare invidia ai più esclusivi college, hanno sfilato in divisa gli studenti dell’alberghiero, sfoggiando il loro bagaglio di esperienza e preparazione non solo nel servizio ma anche in merito alla conoscenza degli ingredienti nei piatti che hanno via via presentato.

“Queste collaborazioni sono molto importanti per gli alunni – ha commentato, con orgoglio, il dirigente scolastico Roberto Vespasiani – E di tutto ciò ringrazio il professor Mario Andrenacci che segue l’organizzazione con grande impegno e spirito di sacrificio. È grazie a lui se questo istituto riesce a collaborare in modo così concreto con il territorio creando situazioni di crescita.”.

Emozionato, Mario Andrenacci ha risposto al ringraziamento: “Con voi tutti condividiamo tante iniziative. Ma avere qui Tipicità ha un significato più ampio perché si mette in relazione la scuola con il territorio offrendo agli studenti occasioni di crescita davvero importanti. Tutti i giorni lavoriamo sodo affinché i ragazzi possano apprendere sempre più ed essere pronti ad affrontare, con la miglior preparazione, il mestiere che hanno scelto di imparare. Tipicità è una vera vetrina del territorio – ha concluso Andrenacci- e non posso che ringraziare la direzione per questa dedizione e questa sinergia che generano sempre più valore.”.

L’importante ruolo del professor Andrenacci in queste iniziative concrete è stato rimarcato anche dall’assessore al turismo di Porto Sant’Elpidio, Elena Amurri: “L’alberghiero è cresciuto tantissimo e sta lavorando in maniera eccellente; grazie al preside Vespasiani e al professore Mario Andrenacci il nome dell’istituto è conosciuto in Italia e all’estero.”.

Parole di lode sono arrivate anche dal sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro: ”Siamo qui tutti stanchi per gli impegni di questi giorni ma soddisfatti. Rivedo, oltre alle istituzioni, la stampa, le imprese e un istituto alberghiero che ci accompagna costantemente. Ricordo la missione di novembre in Albania. Gli studenti hanno collaborato a ritmi serrati. Una presenza che tiene alto il nome di Tipicità e del territorio che rappresenta.”.

Alla cena anche i dirigenti territoriali di Ubi Banca, Project partner di Tipicità, imprenditori e giornalisti di testate nazionali che si sono complimentati per l’iniziativa.

Ad Angelo Serri, Alberto Monachesi e alla instancabile Debora Rossi, sono arrivati i complimenti da tutti i presenti che hanno più volte applaudito a fine serata nel segno di quella sinergia che fa del brand ombrello Tipicità un punto di forza e speranza dell’intero territorio.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA DOMENICA DI TIPICITA’ AL FERMO FORUM:

Una domenica nel ‘grembo’ di Tipicità GUARDA LE FOTO

TUTTE LE FOTO DELLA GIORNATA INAUGURALE:

AL VIA TIPICITA’ La vetrina del saper fare delle Marche in un ambiente rinnovato


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti