facebook twitter rss

Cinema Excelsior,
respinto il ricorso
Loira: “Convoco la proprietà”

PORTO SAN GIORGIO - La Corte di Appello ha respinto il ricorso del comune. La proprietà dell'ex cinema Excelsior non è pubblica. Il sindaco Loira convocherà i privati la prossima settimana. "Disponibile ad un accordo". Si valuterà pure un ricorso in Cassazione
Print Friendly, PDF & Email

Nicola Loira

di Sandro Renzi

Cinema Excelsior, secondo atto. La Corte di Appello ha respinto il ricorso del comune contro la sentenza d primo grado del Tribunale di Fermo, che aveva riconosciuto la proprietà privata dell’immobile. La decisione assunta ieri pomeriggio dalla Corte di Appello non era minimamente attesa dell’amministrazione Loira che confidava in un accoglimento del ricorso. Cosa accadrà adesso per il vecchio cinema è tutto da vedere. Il sindaco convocherà per la prossima settimana la proprietà a cui “abbiamo sempre lasciato le porte aperte” ha dichiarato questa mattina il primo cittadino. “Eravamo confortati da pareri legali di senso opposto -ha aggiunto Loira- ovviamente rispettiamo la sentenza e la valuteremo sul piano tecnico. In queste ore siamo in contatto con il nostro legale per capire se la pronuncia della Corte è ricorribile o meno in Cassazione. Probabilmente no da quello che ci è stato anticipato”. Ciò che è certo, allora, è la convocazione dell’amministratore della società Cinematografica Excelsior.

Ci vedremo per capire quali siano le loro intenzioni. E indipendentemente dal ricorso in Cassazione quella situazione così non può più restare” chiarisce il sindaco, pronto a percorrere tutte quelle strade che possano condurre ad una ristrutturazione o messa in sicurezza dello stabile. “Si deve ripristinare il decoro, tanto più che il cinema si trova in un contesto che ha visto stanziati migliaia di euro dal comune. Insomma così cone è ora, il cinema è una nota dissonante” aggiunge il sindaco che non nasconde la volontà di arrivare ad un accordo con i privati. Tanto più ora che la sentenza della Corte di Appello pare abbia interpretato l’atto su cui si è basata anche la causa “come contratto di compravendita dell’immobile. Pertanto il privato di fronte a questo non può tergiversare” chiosa Loira.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti