facebook twitter rss

Andrea Cavanini è furioso:
«I terremotati non si toccano»

PROMOZIONE - Il leader massimo del gruppo Ultras Psg si dissocia completamente dai fatti avvenuti ieri al Comunale di Porto San Giorgio nella gara contro la Maceratese. «Quello che è successo è una schifezza. Per me colpire le vittime del sisma è come ferire un bambino. L'imbecille che ha compiuto quel gesto si prenda le sue responsabilità»
Print Friendly, PDF & Email

Lo striscione esposto dagli Ultras Psg sul sottopassaggio di via Oberdan lo scorso 24 agosto 2018, in memoria del terremoto che due anni prima colpì i comuni di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto

 

di Leonardo Nevischi

PORTO SAN GIORGIO – «Va bene tutto, ma questo non è più calcio. Ieri vittoria strameritata, tuttavia non sono contento. Non sono contento per la piccolezza, e mi trattengo, di quei quattro imbecilli che gridavano “terremotati”. Siete ridicoli e meritate solo il peggio». È con queste dure parole che esordisce il portiere della Maceratese, Alessandro Tomba, nel suo sfogo social, nel quale mette da parte la gioia per la pesante vittoria di ieri al Comunale di Porto San Giorgio (0-4) e sfocia tutta la sua rabbia per gli episodi avvenuti sugli spalti (clicca qui per leggere la cronaca della partita).

Andrea Cavanini

Nella sponda sangiorgese arriva puntuale la risposta di un furioso Andrea Cavanini, leader massimo degli Ultras Psg, che, oltre a fare eco ai concetti espressi da Tomba, rettifica e sottolinea: «A nome del gruppo ci dissociamo dalle parole mostruose che sono venute fuori dalla bocca di un imbecille presente in tribuna, perché – specifica Cavanini – è di un solo individuo che si parla. Questa persona non fa parte del gruppo Ultras, ma frequenta lo stadio e di solito critica aspramente la squadra: questa volta, però, è andato oltre, passando il segno e toccando un tema delicato che con il calcio c’entra ben poco. Quello che è successo è una schifezza, per me colpire le vittime del sisma è come ferire un bambino. Il nostro gruppo si è sempre mosso in favore della gente colpita dal sisma con azioni di solidarietà, attraverso striscioni e raccolte fondi (nel recente passato, sotto la gestione Frontoni, il ricavato di una gara di Coppa Marche della Sangiorgese Calcio è stato devoluto in beneficenza ai terremotati, ndr). Pertanto individui come quello di ieri non rappresentano nella maniera più assoluta la nostra tifoseria».

«Al momento dell’accaduto – spiega Cavanini –, io non ero presente perché dopo essere andato allo stadio per assistere alla partita, mi è sopraggiunto un impegno e sono dovuto uscire, tornando al Comunale solamente a venti minuti dal termine dell’incontro. Tuttavia mi è stato riferito subito quanto successo e sono venuto a conoscenza che già alcune persone del nostro gruppo si erano scagliate contro l’artefice di quell’orribile gesto. Io mi auguro che adesso, col senno del poi, questa persona si faccia un esame di coscienza e si assuma le proprie responsabilità per ciò che ha fatto e detto».

 

Un altro recente striscione esposto del gruppo Ultras che recita: “Vicini ai nostri fratelli colpiti dal sisma”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X