facebook twitter rss

In Senato Verducci ricorda Buondonno:
“Protagonista di una rivoluzione culturale”

ROMA – In aula l'omaggio ad una figura che ha segnato la storia della psichiatria. Il ringraziamento del figlio Peppino al senatore del Partito Democratico
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Protagonista di una rivoluzione culturale: così Francesco Verducci ha voluto ricordare in Senato Ernesto Buondonno, scomparso sabato scorso all’Ospedale Murri.

“Arrivò a Fermo da giovane psichiatra, in un tempo in cui la diagnosi di malattia mentale era una sentenza senza appello – ha sottolineato Verducci nel suo intervento in aula -. Abbattè muri e fu protagonista della rivoluzione guidata da Franco Basaglia per ridare dignità e cittadinanza a chi era reietto. Anche grazie al loro impegno, l’Italia è uno Stato di diritto tra i più avanzati al mondo. Ricordarlo oggi, in un tempo in cui i nostri diritti sono sotto attacco, ha un grande significato”.

E anche a nome della sua famiglia, Peppino Buondonno, figlio di Ernesto, ha voluto ringraziare Verducci. “Fu una rivoluzione culturale prima ancora che medica e scientifica – ha rimarcato – per i diritti delle persone, di tutte le persone. Una battaglia tanto più importante, da ricordare e far vivere, in un’epoca di pericolosi regressi e attacchi alla dignità degli esseri umani”.

 

Si è spento Ernesto Buondonno, lo psichiatra che fece “slegare i matti”

L’addio a Ernesto Buondonno, marito, padre e nonno “Ci hai insegnato a vivere liberi”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti