facebook twitter rss

La Vpm sorride
grazie ad Artur Sowinski

CICLISMO - Il polacco della scuderia riconducibile ai comuni di Porto Sant'Elpidio e Monte Urano ieri è giunto secondo nella 44° edizione della Coppa Caduti Di Reda, dibattuta a Reda di Faenza, prova valida per il 65° Giro di Romagna e 28° Trofeo Cappello D’Oro
Print Friendly, PDF & Email

Il podio a fine giornata

PORTO SANT’ELPIDIO – Dopo la vittoria di Pizzo ad inizio stagione, la Vpm Porto Sant’Elpidio Monte Urano ha colto un altro grande risultato.

Il polacco Artur Sowinski è giunto al secondo posto nella 44° edizione della Coppa Caduti Di Reda che si è corsa Reda di Faenza, prova valida per il 65° Giro di Romagna e 28° Trofeo Cappello D’Oro.

Al via tanti corridori in rappresentanza di 11 nazionalità, 27 team partecipanti e 10 regioni rappresentate che hanno battagliato sulla distanza di 150,7 km. Gara questa molto impegnativa con ben sette Gran Premi della Montagna.

La corsa si decideva sul 5° Gpm di giornata dove dal gruppo fuoriuscivano nove corridori: Fabio Di Guglielmo, Raffaele Radice e Artur Sowinski (Vpm Porto Sant’Elpidio Monte Urano), Carloalberto Giordani e Davide Plebani (Arvedi Cycling), Andrea Cervellera (Casillo Maserati), Manuele Tarozzi (inEmiliaRomagna Cycling Team), Lorenzo Ginestra (Aran Cucine Vejus) e Pietro Di Genova (Bevilacqua Sport – Ferretti).

In cima rimanevano in tre: Sowinski, Plebani e Di Genova che in poco tempo guadagnavano oltre un minuto sugli inseguitori, questo vantaggio permetteva al terzetto di affrontare con buona tranquillità le ultime due asperità di giornata e di giocarsi il successo allo sprint. Davide Plebani (Arvedi Cycling) riusciva ad essere il più veloce andando a precedere di 1” Artur Sowinski (Vpm) Pietro Di Genova (Bevilacqua Sport Ferretti). A completare l’ottima prestazione della Vpm arrivava anche il quinto posto da parte di Andrea Di Renzo. Dunque ancora un grande risultato per la compagine guidata in ammiraglia da Torresi e Paolini e spinta anche dal patron e team manager Orfeo Pieroni Mazzante.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti