facebook twitter rss

Pista rinnovata per l’edizione 2019
del Trofeo Città di Fermo di atletica

FERMO - Il maltempo non ha fermato l'attività organizzativa di una manifestazione che da anni porta in città centinaia di atleti sia esordienti che di alto livello
Print Friendly, PDF & Email

Sulle 8 corsie di una pista comunale il cui manto è stato rinnovato per oltre la metà dai lavori di riqualificazione terminati recentemente, la SAF organizza il Trofeo Città di Fermo di atletica leggera. Giunta alla 24esima edizione è una manifestazione sportiva che oltre a portare il nome della città capoluogo assume ogni anno una valenza legata al turismo sportivo. Da anni porta nell’impianto fermano, situato accanto agli uffici provinciali, ragazze e ragazzi da tutte le Marche e da regioni limitrofe quali Abruzzo, Umbria e Lazio, oltre che da San Marino, in rappresentanza delle migliori società sportive di tutti i settori dell’atletica: dalla velocità, al mezzofondo, dalle staffette, ai salti, ai lanci.

Il Trofeo Città di Fermo ha anche una valenza promozionale per quanto riguarda l’atletica leggera. Dalle ore 9.30 del mattino, come da tradizione saranno gli esordienti, i giovanissimi alla loro prima esperienza competitiva, a scendere sulla pista di atletica per coprire nel minor tempo possibile la distanza di 50 metri.
Seppur con l’incognita maltempo, stando alle precedenti edizioni, sono centinaia gli atleti attesi nell’impianto fermano. Al pomeriggio, dalle 15, scenderanno in pista le categorie assolute.

E’ la presenza di tutte le fasce d’età a rendere importante il Trofeo Città di Fermo perché permette ai giovanissimi, anche quelli iscritti da poco all’atletica leggera, di cimentarsi in competizioni con coetanei di altre società sportive, mettendo alla prova sé stessi.

Il valore aggiunto dell’edizione 2019 della gara è costituito dal recente completamento dei lavori, da parte del Comune, che hanno riqualificato gran parte, curve e rettilineo d’arrivo, della pista ad 8 corsie del capoluogo: punti maggiormente usurati dal tempo e dall’attività sportiva, compresa quella di allenamento degli atleti della SAF, ma anche da atleti di altre società che svolgono sedute di allenamento nell’impianto e dai ragazzi dei vicini plessi scolastici che la sfruttano nelle ore di educazione fisica in alcuni periodi dell’anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti