fbpx
facebook twitter rss

L’aggressione e lo scippo ma anche lo spaccio
Dopo l’obbligo di firma per lui
si riaprono le porte del carcere

PORTO SANT'ELPIDIO/SANT'ELPIDIO A MARE - Il giovane, per quanto accaduto all'Eurospin di Porto Sant'Elpidio, dovrà rispondere di rapina e lesione, accuse per le quali era sottoposto a obbligo di firma. Ma la Corte di Appello, a causa dell'imputazione per spaccio, ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere
Print Friendly, PDF & Email

Dall’obbligo di firma al carcere. La corte di appello di Ancona ha infatti revocato l’obbligo di firma per un giovane che nei giorni scorsi si era macchiato di aggressione e rapina a danno di una ragazza (leggi l’articolo). La magistratura, constatando che il ragazzo è imputato per spaccio di sostanze stupefacenti, ha revocato l’obbligo di firma emettendo per lui un ordine di custodia cautelare in carcere, eseguito dai carabinieri di Porto San Giorgio. Il ragazzo era finito alla ribalta della cronaca nera per aggressione e rapina.

Nel pomeriggio di lunedì scorso i carabinieri della stazione di Porto San Giorgio in collaborazione con quelli del Norm sezione Radiomobile di Fermo erano, infatti, intervenuti all’Eurospin di Porto Sant’Elpidio per una segnalazione che parlava di un’aggressione a una giovane donna.”L’uomo, di circa 30 anni, di Sant’Elpidio a Mare, pluripregiudicato tossicodipendente – spiegano i carabinieri – ha aggregato la donna strappandogli la borsa che indossava facendola cadere a terra e procurandogli una lussazione alla spalla. Quel giovane però è stato bloccato prima da un cittadino extracomunitario di origine nigeriane e poi dai militari dell’Arma. La borsa e il suo contenuto sono stati recuperata e restituiti alla donna. In merito alle sue condizioni di salute, la ragazza è stata giudicata guaribile dai sanitari dell ospedale di Fermo in cinque giorni. L’uomo è stato così dichiarato in stato di arresto per rapina e lesione e condotto alla casa di  reclusione di Fermo dove si trova a disposizione della Procura della Repubblica di Fermo”. Da lì l’obbligo di firma alla stazione dei carabinieri di Sant’Elpidio a Mare. Ma nel giro di qualche giorno le porte del carcere, per il ragazzo, sono tornate ad aprirsi. “La Corte di Appello di Ancona opportunamente informata dalla stazione dei carabinieri di Porto San Giorgio ha revocato l’obbligo di firma poiché era imputato per spaccio di sostanza stupefacente e ha emesso l’ordine di custodia cautelare in carcere che è stato eseguito dai carabinieri della stazione di Porto San Giorgio”.

Aggredisce una ragazza e le ruba la borsa, bloccato da un giovane e dai carabinieri

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X