facebook twitter rss

Settimana del patrimonio culturale:
Italia Nostra sceglie Rocca Montevarmine

FERMO - Un patrimonio già in precarie condizioni e che il sisma del 2016 ha reso ancora più insicuro. Un comprensorio di oltre 700 ettari che potrebbe costituire un’oasi di sicuro interesse, un richiamo turistico di inconfutabile attrazione, con la chiesa di Sant’Angelo in Piano, di epoca Farfense ed il Cimitero del ‘400 con la chiesetta di San Luca.
Print Friendly, PDF & Email


Dal 4 al 12 maggio 2019, organizzate da Italia Nostra, si terranno in tutta Italia iniziative legate alla Settimana del patrimonio culturale 2019, una settimana di incontri, convegni, azioni di pulizia, gazebi informativi, visite guidate, aperture straordinarie e tanto altro, per portare alla ribalta il meraviglioso patrimonio culturale nazionale, troppo spesso sottovalutato e mortificato. La sezione di Fermo ha scelto Rocca Montevarmine come luogo da riscoprire, tutelare e rivalutare. Un patrimonio già in precarie condizioni e che il sisma del 2016 ha reso ancora più insicuro. Un comprensorio di oltre 700 ettari che potrebbe costituire un’oasi di sicuro interesse, un richiamo turistico di inconfutabile attrazione, con la chiesa di Sant’Angelo in Piano, di epoca Farfense ed il Cimitero del ‘400 con la chiesetta di San Luca.

Italia Nostra, sezione di Fermo, per domenica 12 maggio 2019, ore 09,30 in collaborazione con la sezione di Ascoli Piceno, con le sedi dell’Archeoclub di Fermo e di Carassai, ha organizzato una visita guidata alla Rocca per verificarne le condizioni, metterne in risalto le peculiarità e per evidenziare l’esclusività di tutto l’ambiente circostante.
Mentre in tutto il territorio regionale e provinciale fervono gli interventi di recupero post sisma, per questo lembo del comune di Fermo nulla è stato previsto. Resta così una ferita irreparabile nel mondo del patrimonio artistico della nostra città, in attesa di vedere sgretolarsi del tutto la Rocca insieme ad ogni volontà di recupero e di tutela. L’iniziativa vuole essere anche l’occasione per prevedere eventuali ipotesi di finanziamenti per almeno una messa in sicurezza della corte interna e del maschio che rappresenta un po’ il simbolo di Montevarmine.

Rocca Montevarmine è un bene comune e, come tale, dobbiamo sentirci in dovere di difenderlo mediante la sensibilità che ci caratterizza e ci differenzia in quanto tutori del patrimonio storico, artistico, ambientale e culturale della nazione. Per tale motivo è indispensabile la partecipazione all’iniziativa, anche per lasciare a quelli che ci seguiranno testimonianza di cura e custodia dei beni che abbiamo ereditato. Già da oggi dobbiamo essere propositivi! Per gli interessati sarà disponibile il libro di Giorgio Bassani, scrittore, poeta e politico italiano, fondatore e poi presidente di Italia Nostra, dal titolo “Italia da salvare. Gli anni della Presidenza di Italia Nostra (1965-1980)”, Feltrinelli Editore, ristampa anno 2018.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti