facebook twitter rss

La passione fa crescere il raduno,
storici modelli Lancia tra Fermo e la Valdaso

FERMO - Gli appassionati Lancia potranno ammirare i modelli della casa torinese con alcune rarità. Domenica schieramento in piazza e circuito a tempo
lunedì 13 Maggio 2019 - Ore 16:23
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

Un appuntamento che si amplia sia per presenze sia per durata. E’ il quarto raduno Lancia città di Fermo in programma il 7, 8, 9 giugno 2019. La novità consiste nel rapporto stretto con il club Lancia Gamma Italia, costituito dai possessori dell’ammiraglia prodotta dalla casa torinese negli anni Settanta e Ottanta.

Gli ideatori e organizzatori sono il consigliere comunale con delega al Centro Storico Luigi Rocchi e Carlo Iommi, grande appassionato e possessore di Lancia storiche: “Arriveranno appassionati da tutta Italia non solo per il raduno ma anche per assemblea del club Gamma previsto all’hotel Astoria. Questi ultimi arriveranno il 7 giugno. Con loro andremo a Moresco, tra i Borghi più belli d’Italia, dove visiteremo la torre eptagonale e la cantina Castrum Morisci. Scenderemo, poi, in Valdaso per arrivare a Montelparo presso l’agriturismo La Ginestra dove parcheggeremo le auto. La mattina di sabato 8 giugno all’hotel Astoria, alle 9.30, ci sarà l’assemblea del Lancia Gamma Club – spiega Carlo Iommi – mentre alle 11.30, circa, ci recheremo a Salvano, in un garage che fa interventi tecnici di riparazione, lucidatura e rifinitura. Alle 12.30 arriveremo a piazzale Azzolino dove parcheggeremo le Lancia per il pranzo. Alle 15 del sabato è previsto l’accreditamento e l’iscrizione che darà inizia al raduno vero e proprio con tutti i possessori di modelli Lancia. Insieme a loro viaggeremo fino a scoprire le bellezze del borgo di Lapedona e poi in una cantina della Valdaso, per poi raggiungere, sempre in carovana, l’hotel Caminetto a Porto San Giorgio. Parcheggeremo proprio sul lungomare – aggiunge Iommi – per poi percorrerlo dopo cena fino al municipio”.

Domenica mattina sarà la volta dello schieramento in piazza del Popolo a Fermo, con relativa presentazione dei veicoli. Gli equipaggi potranno visitare la sala del Mappamondo per poi giro effettuare un corteo di auto in alcune vie del centro storico. Alla partenza, prevista per mezzogiorno di domenica, saranno presenti sbandieratori e tamburini di Contrada Pila che realizzeranno un’esibizione, grazie alla disponibilità del responsabile Samuele Belluti.

Nel primo pomeriggio di domenica sempre la piazza di Fermo sarà scenario di una gara di abilità, uno slalom a tempo tra i birilli che terminerà con le premiazioni dei vincitori intorno alle ore 17. Circa 65 le vetture presenti lo scorso anno (LEGGI QUI). In questa quarta edizione l’obiettivo degli organizzatori è raggiungere quota 80 equipaggi. Dopo la chicca rappresentata dalla famosa Lancia B24, protagonista del film “Il sorpasso” arrivata a Fermo lo scorso anno, quest’anno potrebbe essere la volta di una rara Lancia Stratos.

Il perché di un raduno Lancia a Fermo lo spiega lo stesso Carlo Iommi: “Sono stato sempre innamorato delle Lancia perché coniugano l’eleganza e il lusso con l’innovazione. Lo dimostra il fatto che Lancia fu il primo marchio a mettere la trazione anteriore in Italia, così come l’iniezione elettronica, l’aria condizionata e i 4 vetri elettrici. Parliamo degli anni Settanta. Alfa Romeo lo fece anni dopo e le auto di marchi più blasonati non avevano tali optional. Lancia – ricorda ancora Iommi – aveva un settore sportivo che ha vinto tutto le sfide che ha intrapreso”.

E’ Luigi Rocchi, consigliere delegato al centro storico a definire il Raduno Lancia Città di Fermo “un modo per far conoscere la parte storica del capoluogo a persone provenienti da tutta Italia. Radunare un tale numero di auto mono marca Lancia non è facile – aggiunge Rocchi – e questa è la quarta edizione, il merito va ad una organizzazione di qualità”. Il raduno, infatti, vede in veste di organizzatori Amici di Piazza e Armonicamente con la collaborazione del Campe (Club Auto Moto d’Epoca Piceno) e dell’Automotoclub Storico Italiano.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X