fbpx
facebook twitter rss

La biblioteca Spezioli
modello di gestione e catalogazione
di raccolte librarie

FERMO/SICILIA - La biblioteca fermana invitata in Sicilia dall’Associazione Italiana Biblioteche. L'assessore Trasatti: "Si accendono ulteriormente le luci della ribalta sulla biblioteca"
Print Friendly, PDF & Email

Carla Iommi

La Biblioteca “Spezioli” di Fermo fa scuola. La gestione e catalogazione delle raccolte librarie sono state prese come modello, come case history in Sicilia, dove nei giorni scorsi è stata invitata la biblioteca fermana, rappresentata in questo caso da Cristiana Iommi, a due momenti formativi all’interno di un ciclo di Seminari di Bibliotecomia coordinati dall’Università: il primo, su invito dell’Università degli studi di Catania, per tenere una lezione agli studenti ed ai dottorandi sul Servizio Bibliotecario Nazionale, di cui la Spezioli è biblioteca di riferimento territoriale sia fermano che ascolano, il secondo momento su invito dell’Associazione Italiana Biblioteche, per un corso ai bibliotecari di ente locale, sulla gestione delle raccolte storiche in biblioteca, il lavoro sugli incunaboli e le edizioni del 1500, la ricerca storica sui fondi delle origini, l’esperienza della biblioteca Spezioli ad Oxford e a conferenze specialistiche come in passato alla British Library.

“Un altro importante riconoscimento per la biblioteca Spezioli di Fermo – ha detto l’assessore alla cultura Francesco Trasatti – che è stata invitata a questo prestigioso appuntamento per poter presentare il suo metodo di lavoro quale buona pratica da prendere ad esempio, accendendo ulteriormente le luci della ribalta sulla biblioteca non solo per il suo valore turistico e culturale ma anche per quello altamente scientifico e di studio”.
“La forza della nostra biblioteca sta nella squadra – ha dichiarato la direttrice della biblioteca Spezioli Maria Chiara Leonori – lavoriamo tutti, ognuno con la propria professionalità, per la crescita di un luogo al quale sentiamo fortemente di appartenere e che, sapendo quanto sia apprezzato dalla Città, richiede che gli si dedichi il meglio di ciascuno di noi”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X