facebook twitter rss

”Domenica tutti alla Bombonera”,
l’appello di Molly Pizzuti

SERIE C GOLD - Il presidente sella Sutor Premiata Montegranaro carica l'ambiente in vista di gara tre di finale playoff, la prima interna della serie, al cospetto della temibile Val di Ceppo
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente gialloblù, Molly Pizzuti

MONTEGRANARO – “Carissimi tifosi gialloblù, Sono passati 13 mesi ma eccomi di nuovo qui, fortunatamente, per una di quelle rarissime occasioni in cui prendo la penna in mano per scrivere su carta quello che ho impresso nel cuore”.

Con queste parole il presidente della Sutor Premiata, Molly Pizzuti, inizia la missiva indirizzata ai tifosi alla vigilia di gara tre contro Val di Ceppo.

“Esattamente come lo scorso anno – prosegue – questa mia lettera vi arriva a ridosso di uno dei momenti più importanti dell’anno: la finale playoff. È stata una stagione fantastica, vissuta circondata da un’atmosfera unica di entusiasmo e passione che mai ha fatto sentire sola me, la squadra e tutti i soci in generale. Qualcosa di veramente tangibile si respira nell’aria ed ora più come mai ovunque ti giri senti parlare di Sutor”.

Montegranaro è la Sutor, e la Sutor è dei suoi tifosi – incalza il numero uno societario -. Qualunque sia l’esito della finale, non ci sarà mai nulla di più vero di questa semplice frase scolpita nella memoria e nel cuore di noi veregrensi; poche parole incapaci forse di rendere giustizia a quello che realmente proviamo, ma che rappresentano comunque quello che i nostri occhi e le nostre orecchie si sono riabituati ad ascoltare e vedere, alla Bombonera così come in trasferta. Tutta quella gente, tutte quel calore che si è ricreato attorno al nostro nome sono la prova che forse stiamo veramente camminando tutti verso la giusta direzione”.

“Questo documento però non vuole essere la classica lettera di ringraziamento di fine stagione, anzi, spero di rimandare quel momento quanto più a lungo possibile. Vi scrivo perché all’orizzonte abbiamo un’altra battaglia da affrontare, forse la più difficile, contro un grande avversario che arriverà al palas con il dente avvelenato – precisa -. Loro sono molto forti e sicuramente daranno il 101% di loro stessi per batterci a casa nostra, ma noi siamo la Sutor e di certo non sarà questo a spaventarci”.

“Domenica abbiamo l’ennesima occasione, non necessaria, ma dovuta, di dimostrare ancora una volta che cosa significa per un veregrense andare al palazzo a tifare Sutor. Domenica ci sarà un intero popolo alla Bombonera a proteggere la nostra storia ed il nostro nome, esattamente come accadeva anni fa quando i nostri padri ci accompagnarono per la prima volta in questo tempio – afferma ancora la Pizzuti -. Domenica siamo tutti chiamati a diventare artefici del nostro destino, perché quando sentiamo o pronunciamo il nome “Sutor” abbiamo ancora i brividi e non esiste ostacolo che possa limitare il nostro amore”.

“Perché quando i ragazzi in campo attaccheranno, in realtà lo staremo facendo ancora una volta tutti insieme, e quando difenderanno lo faranno consapevoli di avere dietro loro un muro di folli innamorati pronti a sorreggerli – il congedo del presidente sutorino -. Seguite il mio consiglio. Questa volta più che mai: prendete la sciarpa e la bandiera è giunto il tempo di lottare insieme, ci vediamo alla Bombonera”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti