facebook twitter rss

Città creative Unesco, 37 ‘nazioni’
ad ammirare Fermo

FERMO - arrivati a Fermo i circa 100 delegati in rappresentanza di 37 Paesi del mondo. Salutati dal sindaco Calcinaro e dall’assessore alla Cultura Trasatti, hanno visitato la città e incontrato realtà produttive del territorio
mercoledì 12 Giugno 2019 - Ore 11:58
Print Friendly, PDF & Email

Non appena scesi dal pullmann non hanno potuto fare a meno di scattare foto, ammirare Piazza del Popolo ed il centro storico.

Ieri mattina a Fermo i circa 100 delegati in rappresentanza di 37 Paesi del mondo che partecipano alla 13esima ‘Unesco Creative Cities Annual Conference’ in corso a Fabriano, città che fino al 15 giugno vedrà la presenza di rappresentanti di ben 180 città da tutto il pianeta in occasione dell’evento sulle città creative dell’Unesco.

“La tappa di Fermo, scelta per la categoria creativa dell’artigianato – spiegano dal Comune – ha visto arrivare delegati (autorità, sindaci, amministratori, professionisti ecc) da, ad esempio, Azerbaijan, Benin, Brasile, Bulgaria, Cina, Ecuador, Egitto, Francia, Indonesia, Italia, Giappone, Giordania, Corea, Messico, Marocco, Portogallo, Arabia Saudita, Thailandia, Turchia, America.

Nell’accogliente auditorium San Filippo sono stati salutati dal sindaco Paolo Calcinaro che ha dato loro il benvenuto, ha presentato la città di Fermo, il territorio con il suo tessuto industriale ed economico ed ha raccontato del percorso avviato dalla città di Fermo con l’Unesco entrando nel circuito delle Learning Cities. Anche l’assessore alla cultura Francesco Trasatti ha spiegato la categoria per cui Fermo è stata scelta da questa Conferenza come territorio rappresentativo dell’artigianato, di una manualità che è nelle tradizioni del territorio e che poi ne ha fatto la vocazione del distretto. A motivare la scelta di Fermo fra le città dell’apprendimento dell’Unesco Carlo Nofri che ha raccontato della storica tradizione nel campo della formazione, della scuola e dell’Università della città.

Quindi nel pomeriggio i delegati hanno assistito allo spettacolo del gruppo folkloristico Ortensia, le visite ai principali siti culturali di Fermo: Sala del Mappamondo, Sala Rubens, le Cisterne romane ed alle Piccole Cisterne l’incontro con alcune imprese del mondo produttivo locale per vedere da vicino e conoscere: le calzature che si producono nel territorio, ammirando sia un campionario che vedendo la dimostrazione della realizzazione manuale, le ceramiche ed il settore del ferro battuto artistico con il percorso dal rame al ferro.
La giornata di ieri, all’interno della conferenza di Fabriano, era dedicata al progetto le Città dell’Orsa, insieme a Ancona, Ascoli Piceno, Fabriano, Macerata, Pesaro, Recanati, Senigallia, un’iniziativa che si è estesa a tutto il territorio regionale per trasmettere così il messaggio di Marche come una città-regione. Un evento dedicato alle ‘Marche della Creatività’: un’opportunità di promozione del territorio.
In serata alle ore 20.15 (con un collegamento dal palcoscenico del Teatro Gentile di Fabriano con Neri Marcorè, in videoconferenza con le 8 città marchigiane del circuito dell’Orsa) al Teatro dell’Aquila il concerto di Enzo Avitabile & i Bottari”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X