facebook twitter rss

Con il MeetBall Festival dentro la storia
dell’ex Conceria: chiusura tra visite,
polpette e mega party anni ’90

FERMO – Ultimo appuntamento con la manifestazione organizzata dall'associazione La Fabbrica delle Polpette: alle 18.30 spazio allo chef Mazzaroni, dalle 19 visite guidate alla struttura e poi tutti in pista con i brani di un decennio magico
Print Friendly, PDF & Email

È il giorno, anzi, la serata delle polpette cotte da Enrico Mazzaroni nell’azoto liquido e, soprattutto, del mega party dedicato agli anni ’90. Ma per il MeetBall Festival, che chiuderà i battenti dopo tre appuntamenti di alto livello e di grande partecipazione, sarà anche l’occasione per far conoscere da vicino la realtà dell’ex Conceria.

Il programma di questo sabato 6 luglio, infatti, prevede a partire dalle ore 19 visite all’interno di una struttura che negli anni della seconda guerra mondiale è stata un centro di prigionia, trasformandosi poi in un’industria capace di dare lavoro a centinaia di persone del territorio fermano. “Una lunga storia che merita di essere conosciuta e divulgata – rimarcano dall’associazione La Fabbrica delle Polpette -. Questo luogo rappresenta una parte importante del nostro quartiere, della nostra città e di tutta la provincia. L’invito, quindi, è di camminare insieme noi tra i padiglioni ascoltando peculiarità ed aneddoti”.

Tornando al cartellone, sarà Mazzaroni a dare il via agli eventi culinari con la preparazione dalle ore 18.30 di polpette molto particolari, come nello stile dello chef originario di Montemonaco salito alla ribalta nazionale grazie alla straordinaria qualità delle pietanze servite nel suo Ristorante Il Tiglio. Una presenza speciale, la sua, all’interno di un contesto dove il cibo, anzi, lo street food assume una valenza cruciale. “Avremo anche la Regina indiscussa del gusto – rimarcano gli organizzatori – vale a dire la Tagliatella Fritta, un piatto di origini umili, che nasce da ingredienti poveri e di facile reperibilità, come uova e farina, e che ha salde radici nella tradizione marchigiana”.

A chiudere, come detto, la festa (“Nostalgica ma sempre con il sorriso sul volto”) con le sonorità di un periodo, quello degli anni ’90, che ha segnato in maniera indelebile il panorama della canzone italiana e anche quella internazionale. “Sarà una vera e propria ondata di musica e spettacolo – aggiungo dalla Fabbrica delle Polpette – una festa ricca di animazione a tema, allestimenti anni ’90, scenografia, ballerini, personaggi fantastici degli anni 90, gadgets, effetti speciali. Una serata all’insegna della grande musica, dei brani indimenticabili da cantare, quei singoli che hanno scalato le classifiche di un decennio magico”.

I bilanci, come sempre, si tracciano alla fine. Ma quello del MeetBall Festival, sia per presenze che per qualità delle proposte, sembra già essere andato oltre le più rosee aspettative, confermando l’efficacia dell’azione di un gruppo di giovani che si sono uniti con un solo obiettivo: dare ancora più voce ad un quartiere come Molini Girola, una volta considerato periferico ma oggi al centro delle dinamiche sociali e culturali della città capoluogo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X