facebook twitter rss

Trasporto pubblico Amandola-Pedaso,
l’ira di Ciaffaroni: “Montefortino non esiste?”

MONTEFORTINO - Il primo cittadino: "Nell’anno in corso il Comune si è visto togliere l’unica corsa in grado di trasportare gli studenti delle superiori verso le città di Fermo o Ascoli Piceno e nonostante la vibrata protesta che ho inoltrato a Sciapichetti nulla è accaduto. Auspico che l'assessore e la Regione intervengano in modo netto e determinato"
Print Friendly, PDF & Email

Domenico Ciaffaroni

“Si è tenuta ieri ad Amandola una riunione/conferenza stampa nella quale il sindaco di Amandola, il presidente e il direttore della Trasfer  annunciavano in pompa magna una nuova linea di che collegherà Amandola a Pedaso passando per la Valdaso (leggi l’articolo). Un servizio totalmente gratuito con quattro corse verso il mare e altrettante verso la montagna. La montagna. Evidentemente per i fermani è solo quella amandolese, vi si trova infatti in questo Comune una delle cime più conosciute dei Sibillini: il monte Amandola, una specie di alta collina raggiungibile anche in auto”. Inizia così l’affondo del sindaco di Montefortino, Domenico Ciaffaroni.

“Il comune di Montefortino nell’anno in corso – la critica di Ciaffaroni – si è visto togliere l’unica corsa in grado di trasportare gli studenti delle superiori verso le città di Fermo o Ascoli Piceno e nonostante la vibrata protesta che ho inoltrato all’assessore regionale competente, Angelo Sciapichetti, e alla relativa ditta che gestiva il servizio, nulla è accaduto e le famiglie si sono dovute sobbarcare l’onere del trasporto dei propri figli.
Ora arriva l’ennesima beffa. Si parte da Amandola, si arriva ad Amandola, ci si dimentica completamente del comune di Montefortino. Certo, non è un paese turistico, nel suo territorio non ci sono grandi ricchezze ambientali: l’Infernaccio viene spesso attribuito al comune di Montemonaco, il santuario dell’Ambro venne posizionato presso la città di Fermo, il patrimonio d’arte non è neanche paragonabile a quello dei comuni limitrofi.
L’assurdo sapete qual è a detta di lor signori? Che il comune di Montefortino non può avere questo servizio aggiuntivo, definito del sisma, perché chiese all’allora ‘numero due’ della Protezione civile nazionale, Immacolata Postiglione, di convertire le Sae nel recupero dell’edilizia residenziale esistente. Questa scelta evidentemente si è rilevata un grande errore strategico, era meglio costruire Sae e consumare suolo a costi parametrici talvolta astronomici, quasi 5.000 euro al mq.
Io penso che la regione Marche e l’assessore Sciapichetti debbano fare una profonda riflessione sull’operato e la conduzione della fase post-sisma ed adottare i relativi correttivi. Auspico e auguro che di fronte a certe decisioni intervengano in modo netto e determinato”.

Per lavoratori e turisti nuova linea bus gratuita verso la Valdaso: Sibillini più vicini alla costa


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X