facebook twitter rss

Cna: “Diciassette nuovi tornitori
pronti a mettersi all’opera”

FERMO - Il presidente Cna Paolo Silenzi e il direttore generale Alessandro Migliore: "Un corso importante dedicato ad una disciplina professionale e ad un settore produttivo strategici per il Fermano. Ringraziamo l'Ipsia e la dirigente Scatasta"
Print Friendly, PDF & Email


Diciassette nuovi tornitori pronti per mettersi all’opera. Si è concluso il 29 luglio il corso di formazione per tornitura finanziato dalla Regione Marche, gestito da Form.Art Marche, ente di formazione accreditato del sistema Cna regionale, e organizzato in collaborazione con la Cna Territoriale di Fermo e la cooperativa sociale NuovaRicerca.AgenziaRes, nell’auditorium della sala formazione di Cna e negli spazi della sede dell’Ipsia ‘Ricci’, che ha messo a disposizione risorse tecniche e professionali.

Un corso importante – dichiarano il presidente Cna Paolo Silenzi e il direttore generale Alessandro Migliore – dedicato ad una disciplina professionale e ad un settore produttivo strategici per il Fermano, cioè la tornitura e la meccanica di precisione, che continuano a richiedere figure operative da impiegare nelle numerose aziende del territorio. Preziosa è stata anche la disponibilità dell’Ipsia e della dirigente scolastica Stefania Scatasta, che ringraziamo ancora una volta per la collaborazione sempre proficua e concreta con la nostra associazione”.

“Il corso ha previsto 100 ore di formazione – spiega la responsabile Form.Art Marche Marida Pulsoni – di cui 38 teoriche e 62 pratiche. 17 gli allievi, con origini e storie diverse. Italiani, migranti accolti nei progetti Sprar o residenti in autonomia, provenienti da Fermo e dall’entroterra, dalla Nigeria, Pakistan, Costa D’Avorio, Mali. Storie di ragazzi del mondo e del nostro territorio, tra cui anche una giovane donna, caparbia e appassionata quanto e forse più degli altri”.
Ai partecipanti l’attestato di frequenza per tornitura: “Sono in grado di utilizzare in autonomia il tornio – dice Pulsoni – e altre macchine utensili per l’asportazione del truciolo. Grazie alla competenza e all’esperienza dei professori Massimo Rossi e Mattia Minucci, sono state fornite conoscenze di base sulle proprietà meccaniche e tecnologiche dei metalli, nozioni teoriche sulle lavorazioni dei metalli per l’asportazione del truciolo, concetti base della metrologia di officina, disegno meccanico e stesura di un cartellino di lavorazione, aggiornando i corsisti anche sulle attuali normative vigenti”.

Le lezioni di officina si sono svolte nei laboratori dell’istituto, sotto la vigilanza dell’ingegnere Marco Del Gatto, mentre quelle relative alle normative sulla sicurezza sono state tenute dall’ingegner Serafino Bartolomei nell’auditorium della sala formazione Cna in via Donizetti a Fermo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X