facebook twitter rss

Anche Monte Urano avrà
un consiglio comunale dei ragazzi

MONTE URANO - L'assessora alle politiche giovanili Loretta Morelli: “Da tempo ci stiamo occupando della procedura di adesione alla rete territoriale delle 'città amiche delle bambine e dei bambini' all'interno del progetto regionale 'città sostenibili e amiche dei bambini e degli adolescenti"
Print Friendly, PDF & Email

Moira Canigola

Anche Monte Urano avrà un consiglio comunale dei ragazzi. E’ quanto emerso nell’ultima seduta dell’assise dei “grandi”, durante la quale la maggioranza ha accolto la mozione specifica presentata dalla consigliera di opposizione Denise Di Marco.

“Una novità importante che per l’amministrazione Canigola rappresenta però soltanto un tassello all’interno di un progetto più ampio sui giovani che ha preso il via già nello scorso mandato. Tante sono state infatti le iniziative che negli ultimi cinque anni hanno visto come protagonisti i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze, nel tentativo – fanno sapere dall’amministrazione – di far capire loro fin dalla tenera età l’importanza della politica per il presente e il futuro della società in cui vivono.

Lo stesso sindaco, ad esempio, è stata ospitata da alcune classi delle elementari per rispondere alle domande dei bambini e delle bambine e spiegare determinati aspetti dell’amministrazione, mentre l’assessore ai lavori pubblici Federico Giacomozzi ha svolto anch’egli alcuni incontri nelle scuole per parlare delle iniziative della giunta in materia di riqualificazione energetica e di raccolta differenziata.

Allo stesso tempo, parallelamente alla rassegna culturale ‘Lei è Franca Viola’, sono stati previsti laboratori e incontri sul tema della violenza di genere sia alle elementari che alle medie. Il tutto, poi, senza dimenticare le visite al Comune che hanno visto protagonisti anche i bambini e le bambine della scuola materna e che hanno permesso la creazione di scambi e contatti con l’amministrazione proseguiti nei mesi successivi.

Ora, però, l’esecutivo vuole andare oltre. Il vero obiettivo è chiaro e ad illustrarlo davanti ai consiglieri è stata l’assessora alle politiche giovanili Loretta Morelli”: “Da tempo ci stiamo occupando della procedura di adesione alla rete territoriale delle ‘città amiche delle bambine e dei bambini’ all’interno del progetto regionale ‘città sostenibili e amiche dei bambini e degli adolescenti’ – ha spiegato durante la replica all’interrogazione presentata dalla Di Marco – Un percorso che era stato avviato dall’ex assessora Lucia Diomedi e che ora, dopo un’interruzione durante la campagna elettorale, sto seguendo personalmente per arrivare in breve tempo all’approvazione”.

Il passaggio ufficiale di costituzione della rete, infatti, avverrà entro settembre e la speranza dell’amministrazione è quello di ratificarlo già nel prossimo consiglio comunale. Si tratta di un programma che la Regione Marche ha avviato con la legge 14/2017 e che mira alla diffusione di una cultura di pianificazione delle città sensibile all’infanzia e all’adolescenza.

Nello specifico il progetto prevede la ricognizione e la mappatura di buone prassi a favore dell’infanzia e della gioventù, seguite dalla promozione di attività di sensibilizzazione e di formazione per il benessere e la qualità della vita dei bambini e degli adolescenti.

In questo contesto, inoltre, verranno valorizzate esperienze di cittadinanza attiva (ed è qui che si inserisce l’istituzione del consiglio comunale “baby”), di sostenibilità ambientale e di riqualificazione urbana”.

 

“Questo progetto è stato voluto e avviato dall’Unicef al fine di rendere la convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza una pratica quotidiana – ha ricordato la Morelli -. Un percorso sicuramente molto ambizioso e strutturato che, insieme alla Regione Marche e ad altri paesi del territorio, andremo mano mano a costruire con l’obiettivo di consentire ai minori di riappropriarsi degli spazi pubblici in sicurezza e autonomia, oltre che per promuovere condizioni di benessere psico-sociale nelle famiglie a tutela della salute a 360 gradi dei minori”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X