fbpx
facebook twitter rss

La Festa del mare spegne 50 candeline
“Tornerà ad essere un evento clou”

PORTO SAN GIORGIO - La festa del mare compie 50 anni. Torna la padella gigante in piazza Napoli. Oggi la conferenza stampa di presentazione dell'evento.
Print Friendly, PDF & Email

La Festa del mare spegne 50 candeline. La più tradizionale delle feste sangiorgesi torna puntuale anche quest’anno, domenica 18 agosto. Porto e piazza Napoli saranno il centro dell’evento che è stato presentato stamane nei locali del Pic pesca. La prima novità è il coinvolgimento della Lega navale, rappresentata da Carlo Iommi e dell’associazione Nautica Picena, rappresentata dal presidente Stefano Orena, che parteciperanno alla sfilata in mare con le loro imbarcazioni a vela, affiancando pescherecci e vongolare. Si partirà alle 10.30, subito dopo la messa in programma alle 9.30. Verrà deposta come da tradizione una corona d’alloro in acqua per ricordare chi ha perso la vita in mare. “L’obiettivo -spiega l’assessore Elisabetta Baldassarri- è quello di restituire alla festa quel ruolo che aveva fino a 20 anni fa, quando era considerato l’evento clou dell’estate. A questo stiamo lavorando. La Festa del mare è anche un momento per ricordare le nostre antiche tradizioni“.

Anche per questo motivo si è cercato di coinvolgere altre realtà associative e non ultimo, il proprietario della lancetta “Vittoriosa” che vanta oltre 80 anni di navigazione alle spalle. Emblema anch’essa di una cultura, quella marinara, che purtroppo sta scomparendo. Al ritorno in banchina i partecipanti potranno cimentarsi nella degustazione di vongole e cozze offerte dal Covopi. Poi alle 17 si accenderanno i fuochi della padella gigante in piazza Napoli. Decine e decine di litri di olio, circa dieci quintali e cinque di calamaretti saranno distribuiti a partire dal tardo pomeriggio e fino a tarda sera. Anche in questa occasione niente plastica. A coordinare il tutto, dal punto di vista tecnico, ci penserà Sirio 2006 con cui il Comune ha sottoscritto una convenzione. Oltre 35 i volontari pronti a darsi il cambio intorno alla padella ed ai banchi dove il pesce verrà impanato. “Tra questi -osserva ancora la Baldassarri- c’è anche un nutrito gruppo di giovani di età compresa tra i 18 ed i 30 anni, che hanno dato una mano fondamentale anche in passato, nell’organizzazione complessiva della festa”. Non mancherà la musica della Junior band alle 19 e quella  del quintetto Frida Neri alle 21,15. A mezzanotte poi tutti con il naso all’insù per assistere al magico spettacolo pirotecnico. Anche se potrebbe essere l’ultimo, almeno abbinato alla Festa del mare. “Stiamo valutando -confessa l’assessore al turismo.- l’opportunità di fare i fuochi nelle edizioni future di questa festa visto che ci sono già un paio di spettacoli simili durante l’anno, in occasione dei festeggiamenti per il Patrono e al termine delle Pro loco in festa”. Un passaggio infine è stato riservato durante la conferenza stampa, alla quale ha preso parte anche il sindaco Nicola Loira,  alla scelta di localizzare anche quest’anno la padella a sud del lungomare. “Inizialmente -spiega la Baldassarri- era nostra intenzione collocare la padella a piazza Bambinopoli, così da rendere la festa fruibile a più gente. Ma questioni di carattere tecnico, legate alla sicurezza, ci hanno fatto optare per lasciare la padella dove sta, anche perché in alternativa avremmo potuto solo esporla e non metterla in funzione”.

Sa. Ren.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X