fbpx
facebook twitter rss

“Il suo talento è immortale”
In mostra alla sala Imperatori
gli scatti di Gaia Roganti

PORTO SAN GIORGIO - Al via la mostra dedicata a Gaia Roganti, la 26enne scomparsa a marzo in un tragico incidente stradale sulla provinciale Lungotenna. Alla sala Imperatori saranno esposte le sue foto.
martedì 20 Agosto 2019 - Ore 15:38
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Una mostra ed un concorso fotografico per ricordare la figura di Gaia Roganti, la giovane sangiorgese vittima di un incidente stradale nel mese di marzo. Aprirà i battenti domani alle 19 alla sala Imperatori dove il papà Massimiliano ha raccolto decine di scatti realizzati dalla 26enne. Scatti che fanno parte anche di un volume intitolato “una sognatrice che univa i mondi”. Autoscatti, primi piani a colori ed in bianco e nero, paesaggi immortalati da Gaia che aveva fatto della sua passione anche la sua vita. “Ho raccolto alcune foto e in poche righe, per quanto si possa farlo, la vita di una ragazza così dinamica” spiega Massimiliano Roganti illustrando il volume. La mostra resterà aperta fino al 25 agosto. Contestualmente si procederà con la premiazione delle tre migliori fotografie del concorso “I love Porto San Giorgio” dedicato a Gaia e voluto proprio dal padre.

“Mi piacerebbe riproporlo ogni anno cambiando magari tema. Abbiamo ricevuto 203 scatti. Foto che sono state votate e commentate, una partecipazione che non mi sarei mai aspettato. Con questo concorso  volevamo ricordare Gaia e la scelta è stata utilizzare lo strumento che lei prediligeva, la macchina fotografica e che la faceva sentire meglio” prosegue il papà. Tanti fotografi e appassionati dell’obiettivo,  anche turisti, hanno voluto partecipare e lasciare un segno.  “Ci sarà un vincitore ovviamente -aggiunge Massimiliano- ma tutti per me hanno vinto”. Il ricordo di Gaia insomma rivivrà in quegli oltre 200 scatti. Il Comune e l’assessore al turismo Elisabetta Baldassarri hanno contribuito alla riuscita dell’evento. “Il concorso è qualcosa in più che non solo ricorda la figura di Gaia ma la sua passione, soprattutto per i luoghi, che amava raccontare attraverso i suoi scatti. Le sue foto sono la testimonianza del fatto che un talento è immortale e può sopravvivere attraverso i lavori realizzati” ha infine commentato la Baldassarri.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X