facebook twitter rss

Castagnata a Servigliano:
un week end che promette
faville tra tradizioni e novità

SERVIGLIANO - Si rinnova la tradizione di un evento organizzato da Porta Marina e cresciuto costantemente nel corso degli anni. ECCO IL PROGRAMMA DELLA FESTA
Print Friendly, PDF & Email

Servigliano, fine settimana all’insegna della 41esima Castagnata.

La castagnata di Servigliano, organizzata dal rione Porta Marina, è tra le più longeve manifestazioni tipiche gastronomiche a livello regionale. Viene organizzata senza soste dal 1979: quella che andrà in scena sabato 12 e domenica 13 ottobre sarà, dunque, la 41esima edizione.

“Con gli anni – spiegano dall’organizzazione – il tradizionale appuntamento si è arricchito con i prodotti tipici della cucina serviglianese (come la mela rosa dei Sibillini), la musica di rinomate band folk musicali e i giochi popolari. Nelle edizioni record si sono contate settemila presenze. E quest’anno Porta Marina punta in alto. Molto ricco il programma.

Domani si comincerà alle ore 16 con caldarroste, dolci e pizzette serviti in piazza e al borgo Leopardi; dalle 20, cena della Castagna servita nel suggestivo cortile della Magnolia in piazza Roma disegnato nel 1770. Ricco il menu: fantasia di formaggi e confetture, crostone con miele e castagno, pancetta e noci; polenta; bocconcini di maiale alle prugne; patate arrosto; cartoccio di castagne (prenotazioni al numero 340.1576123). Ovviamente castagne, dolci di castagne e caldarroste a volontà anche nel dopo cena. Domenica 13 ottobre, giornata intensa. Si comincia al mattino presto con la distribuzione dei dolci a base di castagne, confezionati in base alle ricette tramandate fin dall’Ottocento. Il pranzo sarà servito sempre nel cortile della Magnolia. Dalle ore 14, il clou: ecco la 41esima Castagnata in piazza Roma. Saranno impegnati oltre 120 volontari, soci e simpatizzanti di Porta Marina: un segno di attaccamento al rione davvero lodevole da parte di ragazzi e adulti, uomini e donne, che da settimane si ritrovano tutte le sere per preparare al meglio l’appuntamento, che rientra, per ordine di presenze, tra i primi eventi della vallata del Tenna. Menu per tutti i gusti: dolci, caldarroste, pizzette della Civetta (ricetta segreta), panini con salsiccia, patatine, pupi arrosto, vino cotto. Altra novità, debuttano quest’anno due vini di Porta Marina confezionati grazie alla Cantina Vitali: il Sangue Rossoblu (Sangiovese) e la Civetta (Passerina). L’animazione sarà a cura di rinomati gruppi folk marchigiani: i Mazzamurelli dei Sibillini di Ortezzano e le Rcacciature di Montedinove saranno protagonisti di stornelli della tradizione marchigiana, a cominciare dal saltarello. La manifestazione è nata nel 1979. Dal primo, storico manifesto si legge: ‘Castagnata: dolci di castagne, pizzette e acquaticcio gratis!’. Fu un inizio soft (appena un quintale di castagne preparate), ma il successo fu strepitoso: prodotti esauriti in poche ore”. “Il 1979? Tute blu per gli addetti alla cottura, tre padelle di ferro bucate e via – ricordano gli anziani di Porta Marina – Chi se lo aspettava un successo così al primo anno: 60 kg di caldarroste vendute; 200 dolci (oggi siamo a 5.000) a ruba. Ricordiamo la contentezza dei promotori. Un cartoccio di caldarroste era venduto a 200 lire”. Da quattro amici al bar di allora alle attuali 120 persone impegnate nell’organizzazione. Oggi la Castagnata è tra le iniziative più seguite”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti