fbpx
facebook twitter rss

“Governo indifferente ai nostri appelli”
Sulla ricostruzione la protesta dei professionisti

POST SISMA - Le considerazioni dell'Associazione di Intensa Sindacale degli Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti delle Marche
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Il decreto legge sulla ricostruzione legata ai danni provocati dal sisma nel centro Italia è pronto per essere licenziato dal Consiglio dei Ministri, che si riunirà alle 19 di oggi. Ma facendo riferimento alla bozza circolata in questi giorni, l’Associazione di Intensa Sindacale degli Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti delle Marche è pronta a muovere le proprie rimostranze contro le misure stabilite dal Governo Conte.

“Denunciamo l’assoluta mancanza di confronto con tutte le parti sociali e l’indifferenza del Governo a tutti gli appelli che in questi mesi abbiamo fatto sullo stato di enorme disagio in cui versano i liberi professionisti che si occupano della ricostruzione” rimarcano dall’Inarsid Marche, spiegando come gli stessi siano stati portati a conoscenza del Governo attraverso il confronto con i prefetti marchigiani, con i politici locali e, non da ultimo, con il commissario straordinario.

“Dall’inizio chiediamo di essere responsabili delle pratiche e certo non ci tireremo indietro adesso – proseguono -, ma le nostre autocertificazioni del progetto possono essere fatte solo quando ci saranno norme definitive certe e di univoca interpretazione e con le dovute garanzie. Non si risolve in questo modo l’anticipo ai professionisti, noi le nostre proposte le abbiamo fatte”.

L’Inarsid Marche riconosce però la volontà di un cambio di passo da parte dell’esecutivo. “Visto che il decreto legge seguirà la legge finanziaria – concludono – c’è ancora tempo per apportare le necessarie modifiche. Questa volta però vogliamo essere soggetti attivi o ci saranno dure azioni di protesta per la tutela dei nostri interessi e della collettività”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X