fbpx
facebook twitter rss

Fermana, a Fano c’è
poco da scherzare

SERIE C - I gialloblù vanno al "Mancini" dove l'ultima in classifica quest'anno non ha mai battuto un avversario che, comprese le trasferte, non vince da 8 partite e proviene da 7 sconfitte consecutive. Nonostante ciò servirà la stessa squadra canarina battagliera di domenica scorsa per conquistare punti e migliorare una classifica molto pericolosa
Print Friendly, PDF & Email

Il colpo di testa di Molinari che domenica scorsa è valso il pari 1-1 contro la Reggiana

 

di Paolo Bartolomei

FERMO – Dopo il pari strappato con i denti domenica scorsa contro la Reggiana, e dopo aver incontrato tutte le “big” del girone, la Fermana adesso è attesa da quattro scontri diretti consecutivi fino alla pausa natalizia.

Si comincia domani a Fano (fischio d’inizio ore 17.30, 24° derby della storia tra le due allo Stadio “Raffaele Mancini”) dove la compagine canarina avrà di fronte avrà di fronte l’ultima della classe (10 punti in classifica) poi arriverà a Fermo l’Arzignano, indi trasferta a Gubbio (oggi entrambe a 14 punti, gli stessi dei canarini) infine ad inizio girone di ritorno, sempre lontano da casa, a Ravenna (oggi a 15 punti) nel giorno precedente l’antivigilia di Natale. Dopo la pausa natalizia si riprenderà a metà gennaio con l’odierna capolista Vicenza che scenderà a Fermo.

Le prossime quattro partite saranno, non solo sulla carta più alla portata dei canarini, ma anche e soprattutto decisive per le sorti in classifica dei gialloblù prima che si apra la finestra di mercato di gennaio dove la società, per bocca del direttore tecnico Andreatini, ha fatto capire che interverrà poiché è evidente la necessità di innalzare la qualità della squadra in tutti i tre reparti.

Prima dei rinforzi di gennaio però serve almeno una decina di punti in più in classifica, altrimenti si rischia innanzitutto di aver difficoltà a trovare giocatori validi disposti ad andare alla Fermana, oppure di mettere a disposizione del mister rinforzi quando la situazione di classifica potrebbe essere irrecuperabile.

 

 

QUI FANO

Il Fano è più in difficoltà della Fermana, ultimo in graduatoria, quest’anno non ha mai vinto al “Mancini” (dove ha conquistato solo tre pareggi con Ravenna, Reggiana e Rimini). I granata non vincono in assoluto da 720 minuti (provengono da sette sconfitte consecutive, precedute dallo 0-0 interno con il Rimini), hanno vinto solo due volte fuori casa (a Imola e Salò).

Con 29 reti al passivo hanno la peggior difesa del girone (la Fermana, comunque, sta a quota 27) e con 12 centri realizzati ha il secondo peggior attacco dopo quelli di Imolese e Arzignano (la Fermana sta solo a 13).

Pessimi numeri come quelli della squadra canarina, ma attenzione a non sottovalutare i granata perché sembrano in crescendo: domenica scorsa, sul campo della capolista Vicenza, hanno venduto cara la pelle, sono stati in vantaggio dal 9′ al 46′ minuto e hanno capitolato solo nell’ultima mezz’ora. Idem nelle due partite precedenti: gli undici di mister Fontana hanno ceduto sempre nei finali di gara.

 

 

QUI FERMO

Tommy Maistrello poco prima del colpo di testa che stava per portare al 2-1 al 95′

Negli ultimi anni nel derby del “Mancini” di Fano alla Fermana è andata sempre male, con grosse polemiche da parte dei tifosi gialloblù: è solo sfortuna o partite affrontate sempre sottogamba?

Lo scorso anno in particolare, con il Fano in fondo classifica come oggi e, al contrario, gli undici di Destro in corsa per i play off, il derby se lo aggiudicarono i granata che non vincevano da sei turni, non realizzavano gol da 622′ minuti e non avevano mai siglato fino a quel giorno due reti nella stessa partita.

Proprio per questi motivi l’esito, e soprattutto il modo con cui maturò la sconfitta, avvelenò molto l’ambiente gialloblù con violente polemiche sui social.

Situazione da non ripetere anche domani perché la classifica di oggi non consente più passi falsi. Al “Mancini” serve la stessa Fermana battagliera dell’ultima mezz’ora di domenica scorsa contro la Reggiana, l’obiettivo deve essere il bottino pieno e come minimo un pareggio ma solo dopo aver lottato strenuamente.

 

LE PAROLE DI MAURO ANTONIOLI

Mister ci attende una sfida importante. Cosa c’è da temere del Fano?

Senza dubbio è una squadra che ha sempre fatto buone prestazioni e che punta sulla costruzione del gioco come elemento cardine. Metterà di certo in campo la sua intensità e la sua voglia di riprendersi da un momento non semplice con sette sconfitte di fila. Una squadra che ha assolutamente indubbie qualità e che va presa con le molle: cercheranno riscatto in questo che è uno scontro diretto e anche un derby“.

 

 

Come ci arriva la Fermana a questa sfida?

Indubbiamente il punto che abbiamo conquistato contro la Reggio Audace è positivo per la prestazione e per come la squadra ha saputo mettere sotto una squadra di altissimo livello e molto forte. In un altro momento questo punto sarebbe stato estremamente ben accetto, ma è chiaro che il nostro momento è particolare.

 

La prestazione c’è stata, senza dubbio, da lì bisogna dare continuità e alimentare la striscia utile di risultati…

“La squadra arriva a Fano con la voglia e la consapevolezza che sia una gara importante e che occorre tornare a casa con risultati positivi in ogni gara“.

 

Questa sfida apre un mini ciclo di quattro gare importantissime: si ragiona comunque nell’ottica dei quattro incontri o occorre guardare semplicemente una gara alla volta?

Si, è un mini ciclo ma non possiamo permetterci di ragionare a lungo termine. Il nostro unico obiettivo al momento è il Fano, e solo lì dobbiamo essere concentrati. Sono tutti scontri diretti e come tali se non possono essere vinti, senza dubbio non vanno persi perché significherebbe regalare punti pesanti ad una diretta concorrente“.

 

 

I 24 CONVOCATI:

ANCORA OUT PETRUCCI E LIGUORI

I due esterni di centrocampo-attacco mancheranno ancora, il primo forse ancora per poco, mentre il campano fino a gennaio. Out per infortunio anche Cremona. Rientra Rolfini dopo la pausa di domenica scorsa.

 

Ilario Iotti, nonostante il lungo infortunio dello scorso anno, da diverse settimane si dimostra sempre il migliore in campo ed è in continuo crescendo. Una delle poche note positive di questo sfortunato inizio di stagione

PORTIERI

 

1 Mattia Palombo

12 Nicolò Renzi

22 Luca Gemello

 

DIFENSORI

2 Mattia Soragna

3 Bachir Mane

5 Marco Comotto

14 Edoardo Scrosta

20 Donato De Pascalis

30 Nicolò Sperotto

35 Nicola Lancini

 

CENTROCAMPISTI

4 Gianluca Urbinati

15 Filippo Bellini

16 Simone Isacco

17 Ilario Iotti

18 Angelo Persia

21 Giorgio Mantini

25 Luca Ricciardi

 

ATTACCANTI

7 Alex Rolfini

10 Massimo D’Angelo

19 Hernan Molinari

23 Luca Cognigni

24 Antonio Bacio Terracino

26 Alberto Fiumicetti

32 Tommy Maistrello

 

 

TERNA ARBITRALE

Marco Ricci della sezione di Firenze ha già arbitrato i gialloblù sempre a Fermo: due volte in serie C (contro il Sudtirol lo scorso anno, 0-0, e contro la Feralpisalò due stagioni fa, 1-1) e due in serie D (nell’anno della vittoria, 2-1 contro l’Agnonese, doppietta di Molinari e due anni prima contro Castelfidardo, 1-0 Pedalino).
Il fischietto toscano sarà coadiuvato da Giorgio Ravera e Nicolò Moroni rispettivamente delle sezioni di Lodi e Treviglio.

 

 

GAETANO FONTANA,

TOH CHI SI RIVEDE

Il Fano oggi è allenato da Gaetano Fontana, 49 anni, valido centrocampista degli anni ’90 e Duemila, che ha vestito casacche avversarie della Fermana in anni e partite memorabili.

Quella dell’Ascoli nei quattro derby post serie B canarina (2000-2002) tra cui quello vinto dai gialloblù con gol di Lemme appena entrato in campo; indossava la divisa del Napoli quando gli undici di Marco Cari pareggiarono al “San Paolo” con gol di Pirro e mister Ventura fu subito esonerato. In precedenza quella della Juve Stabia, avversaria superata dalla Fermana nella corsa alla serie B nel 1999 e anche l’anno prima, quando Fontana siglò anche una rete contro i canarini allo stadio campano “Menti”.

 

 

QUEST’ANNO SOLO TRE EX

TRA FANO E FERMANA

Il “carico” di dieci ex tra le due squadre nella scorsa stagione quest’anno si è assottigliato (trasferendosi però a Carpi, come abbiamo visto di recente) a soli tre giocatori sul fronte fermano (Scrosta e Urbinati a cui si è aggiunto Rolfini) e fortunatamente nessuno sulla sponda granata.

 

 

23 PRECEDENTI A FANO,

UNA SOLA VITTORIA CANARINA

Con il Fano è una classica dei derby marchigiani. Al “Mancini” gli incroci passati sono 23, compresa la gara unica di play off del 2016 e non considerato quello del 1931/32 per esclusione dal campionato della Fermana.

Il bilancio a Fano è di 15 vittorie dei padroni di casa, 7 i pareggi e una sola vittoria canarina.

Il precedente più antico nel 1933/34 (terza serie), gli ultimi il play off di D (quattro stagioni fa) terminato 2-2, che ha riportato i granata in C i quali si sono incrociati di nuovo con i gialloblù negli scorsi due campionati di C (1-0 per i padroni di casa due anni fa e 2-0 lo scorso anno).

Le sconfitte più pesanti: 5-0 nella stagione 1975/76 e 4-1 l’anno prima. L’unico successo canarino è recente (2013/14, 0-1, gol di Marinucci Palermo).

Un bilancio molto negativo per i gialloblù che è ora di cominciare a riequilibrare e non solo per le statistiche storiche.

Dopo il pari di Molinari contro la Reggiana

 

Articoli correlati: 

Massimo Andreatini, un compleanno con l’occhio rivolto al derby di Fano

Grassi e Mammalucco in Rappresentativa Under 16

Commissione di Vigilanza: novità per il ”Recchioni”

Andrea Petrucci: ”Sto meglio, valuteremo per il mio rientro”

Le pagelle del Pampa dopo Fermana–Reggio Audace

Fermana, il cuore dei canarini e la testa di Molinari fermano la Reggio Audace

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X