fbpx
Jessica Marcozzi Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

ANCORA SANGUE
Ferite da taglio all’orecchio
e al mento, soccorso un uomo

FERMO - Dopo i fatti di sangue di ieri notte, questa mattina un uomo ha riportato delle ferite da taglio, inferte forse con un coltello o con una bottiglia rotta, a Lido Tre Archi
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri, questa mattina, a Lido Tre archi

di Giorgio Fedeli

Ancora un fatto di sangue, a distanza di poche ore dal terrore vissuto, ieri sera, al bar Blasco di Porto Sant’Elpidio. Questa mattina, intorno alle 11 da Lido Tre Archi, da via Aldo Moro per la precisione, è partita la richiesta di soccorso alla centrale operativa del 118 di Ascoli per un uomo ferito al volto a seguito di una colluttazione.

Immediatamente è scattata la macchina dei soccorsi, ma anche quella investigativa. Sul posto, infatti, sono arrivati i sanitari della Croce verde Porto Sant’Elpidio che hanno trovato l’uomo con dei tagli all’orecchio sinistro e al mento. Lo hanno medicato ma si è rifiutato di essere accompagnato all’ospedale. E così i sanitari se ne sono rientrati alla base. Non sono andati via, invece, i carabinieri dell stazione di Porto San Giorgio e del Radiomobile, intervenuti subito sul posto insieme al 118. I militari dell’Arma, già al lavoro insieme alla questura, sull’episodio di ieri, dopo aver dialogato con il ferito, rimasto in strada, lo hanno fatto salire in auto per accertamenti. Gli inquirenti, infatti, non escludono affatto che l’episodio di sangue registrato questa mattina possa avere una qualche correlazione con quanto accaduto ieri notte a poche centinaia di metri di distanza, più a nord, subito dopo il ponte che divide i territori di Fermo e Porto Sant’Elpidio. Le indagini delle forze dell’ordine per mettere insieme i tasselli del puzzle e fare luce sugli inquietanti episodi avvenuti a distanza di poche ore l’uno dall’altro proseguono serratissime.

La Croce verde Porto Sant’Elpidio a Lido Tre Archi

Sangue e terrore al bar Blasco: rissa e accoltellati, devastato il locale (Le Foto)

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



1 commento

  1. 1
    Fabrizio il 7 Dicembre 2019 alle 21:56

    Probabilmente, anzi meglio verosimilmente, il secondo episodio di violenza ha collegamenti diretti/indiretti con quello immediatamente precedente della sera prima al bar Blasco di Porto Sant’Elpidio!
    Codesta è la verità, purtroppo: un’irruzione violenta di una decina di soggetti di nazionalità straniera!
    Sarebbe stato bene precisarne la nazionalità, per gli autori materiali dell’evento sanguinoso inqualificabile!
    Non era difficile prevedere una cosa del genere, dal momento che troppa gente straniera, senz’alcun titolo, entra facilmente e liberamente in Italia, senza nessun controllo, e soprattutto senza soldi, né lavoro, che manca anche per gl’italiani, per cui vive d’espedienti d’ogni sorta, anche pericolosi e talvolta sanguinari.

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X