facebook twitter rss

“Balliamo sul mondo”, ecco i campioni
Accoglienza trionfale a Civitanova
(FOTO)

MARCHE IN FESTA- Amministrazione e tanti tifosi hanno coccolato i fantastici 17 appena rientrati dal Brasile. Coach De Giorgi: «Orgogliosi di rappresentare questa società e questa città». (GALLERY)
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Laura Boccanera (foto di Federico De Marco, segue video)

“Balliamo sul mondo”, scritto in tutte le lingue dei giocatori di questa magica squadra. Questo il comitato d’accoglienza che la tifoseria di Lube nel cuore ha fatto trovare al team campione del mondo. Gli striscioni rossi che hanno tappezzato l’Eurosuole forum di Civitanova hanno fatto da benvenuto alla squadra e ai giocatori che sono tornati in Italia prima della ripartenza per l’appuntamento di Champions.

Juantorena e i compagni entrano all’Eurosuole Forum con in mano la coppa

Un momento per festeggiare l’impresa voluto dall’amministrazione che ha accolto la Lube e consegnato una targa alla presidente Simona Sileoni. Ma i tamburi e i coriandoli sono tutti per i fantastici 17 che hanno portato Civitanova sul tetto del mondo. Alza la coppa la Sileoni e ringrazia i ragazzi e tutto il team: «Abbiamo sofferto con voi da qui e seguito tutte le partite – ha detto – speravamo che questo sogno si sarebbe avverato. Oggi possiamo dire che i sogni si avverano. Questo triplete brilla sul mondo. Cominciare la trentesima stagione completando il palmares con l’unico trofeo che ci mancava è la gioia più grande del mondo».

Li definisce “stratosferici” il sindaco Fabrizio Ciarapica orgoglioso del successo della squadra: «Il mio ringraziamento è per un risultato stratosferico, ancora facciamo fatica a pensare che Lube e Civitanova possano essere chiamati campioni del mondo. La Lube è un patrimonio importante della città, la sentiamo parte integrante. Civitanova è cresciuta grazie alla Lube che porta nel mondo con merito il nome della città e questo ci inorgoglisce». Da eroe dei tre mondi, ennesima soddisfazione per Fefè De Giorgi che conquista il mondiale: «Io dico solo che siamo orgogliosi di quello che abbiamo fatto, rappresentare questa società e questa città. Tutto il torneo è stato tosto e la finale abbiamo resistito palla su palla. La Lube ha dimostrato di essere una squadra compatta».

 

 

La mano alzata con le 5 dita, corrispondenti ai 5 mondiali vinti da Juantorena è l’immagine di questa finale: «Al di là del mio risultato personale, per la Lube questo è il primo mondiale, abbiamo fatto una cosa bellissima che erano anni che inseguivamo. Ripartiamo da qua, non mi stanco di vincere, mi auguro che questo trofeo ci dia carica perché abbiamo ancora tanta fame».

Albino Massaccesi tra il sindaco Ciarapica e l’assessore Gabellieri

Per Albino Massaccesi si è trattato di una grande soddisfazione: «E’ il massimo che un dirigente può chiedere – ha detto – festeggio 50 anni di pallavolo e 30 di Lube. Trenta anni fa eravamo a gioire per la serie C, oggi siamo qua». E’ la chiusura di un cerchio per il ds Beppe Cormio, ma non basta: «Quando il giro è finito si ricomincia – ha detto – siamo stanchi, ma bisogna subito ricominciare a darsi obiettivi. La finale ci ha mostrato una partita vinta da squadra. E’ stato emozionante vedere dalle immagini queste gradinate piene per tifarci a distanza».

 

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X