facebook twitter rss

Nasce l’Osservatorio regionale
sul disagio giovanile

MARCHE - Destinataria di tutte le azioni previste nel Protocollo la popolazione compresa nella fascia di età tra i 6 ed i 25 anni
Print Friendly, PDF & Email

Andrea Nobili

Siglato il protocollo che vede il coinvolgimento di garante dei diritti, presidente del Tribunale e procuratore della Repubblica per i minorenni, Asur, Anci, Regione Marche, Centro per la Giustizia minorile di Emilia Romagna e Marche. Destinataria delle azioni previste la popolazione compresa nella fascia di età tra i 6 ed i 25 anni.

Nasce dunque l’Osservatorio regionale sulle forme e condizioni di disagio adolescenziale e giovanile nelle Marche.

Dopo numerosi incontri di approfondimento prende corpo quella che il Garante dei diritti, Andrea Nobili, ha fin dall’inizio indicato come “la scelta più opportuna per monitorare costantemente la situazione e conseguentemente individuare nuove strategie di prevenzione attraverso la massima condivisione possibile”. Concetti ribaditi anche a Palazzo delle Marche nel corso dell’incontro per la presentazione dell’iniziativa e la sottoscrizione del relativo protocollo da parte di Garante dei diritti, presidente del Tribunale per i minorenni delle Marche, Vincenzo Capezza, procuratore della Repubblica per i minorenni, Giovanna Lebboroni, direttore generale Asur Marche, Nadia Storti, presidente Anci, Maurizio Mangialardi, Regione Marche con il dirigente del Servizio politiche sociali, Giovanni Santarelli, e direttore dell’Ufficio Servizi sociali minorenni, Patrizia Giunto, in rappresentanza del Centro per la Giustizia minorile di Emilia Romagna e Marche.

“Ospitiamo con piacere questo evento – ha sottolineato il presidente del Consiglio, Antonio Mastrovincenzo – che va a rafforzare la serie di progettualità messa in campo dal Garante in questi anni. Per le istituzioni l’Osservatorio puo’ diventare uno strumento utilissimo, al fine di condividere analisi ed approfondimenti che vadano a supportare la produzione normativa”.

In questa direzione, secondo il presidente del Tribunale per i minorenni, Vincenzo Capezza, “solo la conoscenza dell’entità relativa alle singole forme di disagio fornisce la possibilità di orientare al meglio le tipologie d’intervento, soprattutto sul versante della prevenzione”. Ribadita da tutti i presenti la necessità di “fare squadra”, di “rafforzare la colla”, come ha detto il direttore Asur Nadia Storti, che deve tenere uniti i singoli soggetti che intervengono direttamente nell’ambito del settore.

Destinataria di tutte le azioni previste nel Protocollo la popolazione compresa nella fascia di età tra i 6 ed i 25 anni.

“Compiti dell’Osservatorio, che sarà presieduto dal Garante – spiegano dalla Regione in una nota – la realizzazione di un sistema di osservazione, analisi monitoraggio e studio dei fenomeni in atto per prevenire, contrastare e rimuovere i fattori di rischio, nonché monitorare e valutare l’impatto delle politiche. Tutto questo attraverso l’aggregazione delle informazioni esistenti ed il coordinamento dell’attività di raccolta. Come primo atto, il Garante ha accompagnato la firma del protocollo con una corposa raccolta di dati, provenienti da diverse fonti, sulla situazione generale dell’infanzia ed adolescenza nelle Marche e sulle principali cause di disagio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X