fbpx
facebook twitter rss

M&G Videx da dieci e lode
nel derby contro Macerata

SERIE A3 - Nella stracittadina dai contorni regionali, la Menghi cade a Grottazzolina nel giorno di Santo Stefano con un netto 3-0. Per la compagine di coach Massimiliano Ortenzi è dunque fuga in classifica grazie alla decima vittoria consecutiva di torneo
Print Friendly, PDF & Email

 

GROTTAZZOLINA – La Videx non sbaglia e fa suo il derby dopo ottanta minuti di gioco. La Menghi Macerata si inchina sul punteggio di 3-0.

Coach Ortenzi schiera i magnifici sette: Marchiani e Giannotti in diagonale, Arienti e Gaspari al centro, Snippe e Vecchi in banda e Romiti a gestire le operazioni di seconda linea.

Risponde coach Di Pinto con MonopoliRizo, Porcello e Calonico al centro, Nasari e Gabriele laterali e Gabbanelli, l’ex di giornata, a governo della difesa.

IL TABELLINO

M&G VIDEX 3: Minnoni ne, Romagnoli ne, Snippe 13, Vecchi 14, Capriotti (L2) ne, Giannotti 14, Arienti 6, Di Bonaventura 1, Viciedo ne, Starace ne, Gaspari 5, Marchiani 1, Pulcini, Romiti (L1). All.
Ortenzi

MENGHI MACERATA 0: Nasari 9, Gabrielli ne, Porcello 6, Cilla ne, Calonico 3, Gabriele 12, Bruno 1, Rossignoli ne, Monopoli 2, Stella, Rizo 20, Gabbanelli (L1), Valenti (L2) ne. All. Di Pinto

ARBITRI: Somansino e De Vittoris

PARZIALI: 27 – 25 (30’), 25 – 23 (28’), 25 – 17 (22’)

LA CRONACA

Inizio di gara con Rizo e Gabriele che costruiscono per poi disfare dai nove metri (3-4). Vecchi risponde e porta avanti i suoi (7-6). La Menghi tiene botta con Rizo, l’uomo più atteso (9 pari). Vecchi replica a Calonico e Gabriele (13-12). Rizo continua a spingere ma la Videx torna avanti con Giannotti ed il muro di Arienti (17-16) costringendo coach Di Pinto al primo time-out della sfida. La pausa sortisce gli effetti sperati perché Monopoli trova due muri vincenti consecutivi portando i suoi a +2 (18-20). Nel mezzo, il timeout di coach Ortenzi che vede i suoi inseguire sino al pari di Gaspari (23-23). Gabriele mette a terra la palla del 23-24 guadagnandosi la prima setball della sfida, gettata però al vento da Rizo (24 pari). Giannotti imita l’opposto cubano (24-25). Macerata ci crede ma non ha fatto i conti con Snippe: il martello olandese annulla prima la palla-set degli ospiti poi tira fuori dal cilindro due ace consecutivi che valgono il 27-25 finale. E’ 1-0 Videx. 

Al rientro in campo la Menghi non si scompone. E’ l’equilibrio a far da padrone nella prima fase del secondo set. Giannotti si fa sentire mentre Nasari e Gabriele danno manforte a Rizo (8-7). L’opposto maceratese spedisce out la palla che vale il +2 Videx (10-8). Gabriele trova l’aggancio con un ace (10 pari). Dopo la sferzata di Snippe e l’ennesimo muro di Arienti, Rizo è ancora impreciso e la capolista si porta a +3 (13-10). Di Pinto ferma il gioco ed i suoi tornano in carreggiata (13 pari). Arienti è ancora protagonista a rete (un totale di quattro muri vincenti per lui) mentre Vecchi ripristina le distanze (17-15). Gabriele tiene vivo il set (19-18). Dai nove metri Calonico sbaglia la palla del possibile aggancio e Vecchi ne approfitta (23-20). E’ lo strappo decisivo. Vecchi e Snippe vanificano due di ben tre palle set ma l’ultima è quella buona: Giannotti colpisce e chiude il parziale (25-23).

Stavolta Macerata accusa il colpo. Padroni di casa subito avanti (4-1). Di Pinto corre ai ripari fermando il gioco e gli ospiti riacciuffano la Videx (6 pari). Nasari risponde a Marchiani ma Giannotti ne mette due (11-7 e nuovo timeout per la Menghi). Gabriele ed il solito Rizo, top scorer con 20 segnature, provano a colmare il gap (15-12). Di Pinto inserisce Bruno al posto di Nasari e la Videx trova l’affondo decisivo: ne mette quattro di fila, complice l’ace di Di Bonaventura, e vola a +7 (19-12). E’ Vecchi a guadagnare la prima di ben otto match-ball (24-16). Cala il sipario sulla gara quando Porcello, dai nove metri, spedisce a rete la palla del 25-17 che vale il 3-0 finale.

Coach Di Pinto

LE DICHIARAZIONI

E’ stato un derby dunque all’altezza delle aspettative. Videx e Menghi hanno dato battaglia davanti al pubblico delle grandi occasioni, accorso al palas per il primo confronto assoluto in serie A tra la prima e la terza forza del girone blu. Una partita tosta, che ha alternato equilibrio a grandi giocate, con Macerata che ha approcciato la gara a viso aperto, mettendo a dura prova nervi e gambe dei padroni di casa, accarezzando la conquista del primo set e tenendo il secondo in bilico fino alla fine.

“Sono orgoglioso dei miei ragazzi perché nei primi due parziali hanno fatto una partita molto attenta e responsabile – ha dichiarato coach Di Pinto -. C’è un po’ di rammarico invece per il terzo perché abbiamo giocato con troppa tensione e commesso troppi errori sin dall’inizio ma sono contento per il lavoro che abbiamo fatto. E’ una partita che deve servirci da esempio – ha aggiunto il coach maceratese -. La Videx sta facendo qualcosa di straordinario, sta meritando ampiamente il primo posto ed è giusto farle i complimenti per quanto mostrato finora”.

“Sapevamo che il servizio avrebbe potuto rappresentare l’ago della bilancia – ha commentato coach Ortenzi -. Nel primo set ci siamo comportati molto bene dai nove metri anche se ci siamo un po’ innervositi perché non riuscivamo a crearci opportunità di contrattacco né a trasformarle. Nel finale Snippe è stato provvidenziale nel trovare quei due ace che ci hanno permesso di spostare l’inerzia della gara a nostro favore. Da lì in avanti abbiamo controllato bene la gara – ha aggiunto Ortenzi -. Siamo stati bravi a sbagliare poco, a restare concentrati e a risolvere quelle situazioni che si facevano complicate quando dall’altra parte i nostri avversari premevano sull’acceleratore”.

Coach Ortenzi

“Siamo contenti perché ci stiamo allenando davvero bene. Con i ragazzi ci siamo detti che dobbiamo pensare al nostro gioco, a star bene in palestra ed a migliorare laddove possiamo farlo. Da fuori può sembrare scontato vincere dieci partite di fila, invece non lo è affatto – ha proseguito il coach grottese -. E’ il frutto del tanto lavoro di un gruppo che sa soffrire quando necessario. Un gruppo fatto di uomini, che non solo in partita ma anche in settimana si esprimono ad un livello davvero alto. E’ grazie al loro impegno che chiudiamo l’anno in maniera eccellente”.

30 punti in dieci partite parlano chiaro: “Non ci siamo mai nascosti – il commento di Snippe nel dopo gara -. Oggi siamo stati bravi perché siamo stati sempre sul pezzo e non era affatto facile vista l’ottima prestazione di Macerata. Sono riuscito a trasformare quei due ace al momento giusto della partita e sono molto felice per questo. Ora però bisogna continuare a lavorare perché la vera sfida ci attenderà ai playoff. Stiamo facendo bene ma dobbiamo proseguire su questi livelli e tenere alta l’attenzione”.

Il 2020 della Videx inizierà ufficialmente sabato 4 gennaio (ore 18) con la trasferta sul campo della Golem Palmi nel match valido per la prima giornata di ritorno. Il turno di Santo Stefano però ha definito per i grottesi anche l’avversario dei quarti di finale della Delmonte Coppa Italia Serie A2/A3: mercoledì 15 gennaio 2020 (ore 20.30) i ragazzi di Ortenzi dovranno fronteggiare la Peimar Calci, seconda forza del campionato di A2.

Il top scorer Snippe

 

Articolo correlato: 

M&G Videx è derby, a Santo Stefano la sfida contro la Menghi Macerata


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X