facebook twitter rss

Lega Pro-Governo centrale:
si rinnova il braccio di ferro

SERIE C - Nuovo comunicato ufficiale dalla stanza dei bottoni della terza serie professionistica del calcio italiano. Elencati i punti principali che, secondo le scrivanie sportive, dovranno essere oggetto di trattazione specifica da parte dell'organo istituzionale nazionale. Resta dunque lo stato di agitazione, ma domenica nessuno sciopero: tutti regolarmente in campo
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – “Con l’azione del 22 dicembre u. s. abbiamo voluto prendere una decisa posizione e lo abbiamo potuto fare perché, in questi mesi, abbiamo acquisito credibilità per le regole introdotte ed applicate e gli atti di risanamento (vedi regolamento giovani, ndr) posti in essere. Non abbiamo nulla da nascondere, le nostre richieste e proposte non hanno avuto il riscontro che auspicavamo. Ora tutti sanno, se c’era bisogno dimostrarlo, che non scherziamo perché siamo seri, quello che diciamo facciamo, abbiamo sollevato il tema principe per i club di Serie C, senza infingimenti o ipocrisie: il 2020 ci deve dire se siamo sostenibili con l’attuale configurazione”.

Queste le nuove esternazioni giunte da parte degli organi di comando della Lega Pro, nella rinnovata tappa del braccio di ferro posto in essere con il Governo centrale (a cui vengono chieste azioni concrete di tutela verso il primo livello calcistico prof nazionale) e che prima di Natale è sfociato nella sciopero dei campionato di C, senza cioè la disputa delle partite in programma da calendario.

“Chiediamo al governo che ci sostenga attraverso provvedimenti che vanno dalla restituzione del credito di imposta a nuove forme di contribuzione al calcio (1% dell’ammontare degli introiti delle scommesse etc.), dalla revisione della legge Melandri ad una modifica relativa all’imposizione IRAP sui contratti dei tesserati – proseguono dalla Serie C -. Noi siamo il calcio sociale e quello della formazione dei giovani calciatori, i presidenti mediamente effettuano annualmente interventi da due a quattro milioni di euro, chiediamo risorse finanziare per utilizzarle per la costruzione di centri sportivi e per la formazione di giovani calciatori. Il quesito aperto è tremendamente semplice: o si trovano risorse per questa esperienza originale del calcio italiano o bisogna ridurre il numero dei club contribuendo a peggiorare la qualità sociale dell’Italia, non solo del calcio. Le gare in programma dall’11 al 13 gennaio p.v. si giocheranno regolarmente perché questo è il nostro primario scopo e perché i tifosi hanno il diritto di emozionarsi allo stadio. Rimane fermo lo stato di agitazione che valuteremo con quali forme attuare nel prossimo futuro”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X