facebook twitter rss

Batterie, pneumatici e rottami
abbandonati: la Finanza sequestra
un terreno con un fabbricato

RAPAGNANO - Nell'area rottami ferrosi, pneumatici, batterie esauste, bidoni di ferro ed altre tipologie di rifiuti, alcuni in evidente stato di decomposizione
Print Friendly, PDF & Email


L’inizio del 2020 vede la Guardia di Finanza del comando provinciale di Fermo impegnata nel delicato settore del rispetto delle normative a tutela dell’ambiente.
“Militari del Nucleo di Polizia economico – finanziaria – spiegano dal comando provinciale delle Fiamme gialle di Fermo – hanno sottoposto a sequestro, coordinati dall’autorità giudiziaria di Fermo, un terreno con annesso fabbricato in cui sono stati rinvenuti numerosi rifiuti di vario genere abbandonati.
Il sequestro trae origine da un precedente servizio risalente al mese di settembre del 2019 quando gli stessi militari avevano sequestrato un capannone e terreno pertinenziale, in zona Campiglione di Fermo, pieno di rifiuti pericolosi. Nei mesi seguenti sono proseguite le attività info–investigative, anche avvalendosi di sistemi satellitari di mappatura delle aree, su tutto il territorio provinciale, che hanno consentito l’individuazione del terreno successivamente sequestrato.

Il lotto di circa 200 metri quadrati – entrano nei dettagli dal comando provinciale della Finanza – è ubicato nel comune di Rapagnano. Al suo interno sono stati rinvenuti rottami ferrosi, pneumatici, batterie esauste, bidoni di ferro ed altre tipologie di rifiuti, alcuni in evidente stato di decomposizione, tanto da far apparire il tutto una vera e propria discarica a cielo aperto.
Segnalato alla competente autorità giudiziaria il proprietario del terreno, un italiano di circa 70 anni.
Le attività rientrano nell’alveo delle prerogative e dei compiti istituzionalmente demandati al Corpo, impegnato, quotidianamente, nella prevenzione e repressione degli illeciti perpetrati anche in materia ambientale a contrasto della proliferazione di discariche abusive ed a tutela della salute della collettività.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X