facebook twitter rss

Calcinaro alla conviviale pro-Ciarapica:
Essere a una cena non è schierarsi
No ai partiti, penso solo a Fermo”

FERMO - Il primo cittadino: "I partiti e gli schieramenti che sono in campo, ormai divisi quasi fossero tifoserie, non mi appassionano. L’unico impegno che mi può togliere dalla mia, amata, professione è quello verso la città di Fermo"
Print Friendly, PDF & Email

“Me ne rimango al di sotto delle parti”. Il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro si affida al suo profilo Facebook per chiarire la sua posizione in merito alla partecipazione a una cena pro Ciarapica alle prossime elezioni elettorali. Il primo cittadino stoppa voci e indiscrezioni che lo vorrebbero sempre più in sintonia con il centrodestra, in questo caso con la Lega. E rimarca quanto già espresso nelle ultime settimane: no ai partiti. Dunque nessun appoggio eventuale o ‘sponsorizzazione’ pro Ciarapica, per Calcinaro. Che confessa: “Se arriva un invito da più sindaci, che stimo, per una cena, annunciatami come tutto tranne che elettorale, non credo che questo rappresenti uno schierarsi a destra per le regionali”.

“Sotto elezioni – il post del primo cittadino – si usa di tutto, e questo è bene che me lo fissi in mente. Se arriva un invito da più sindaci, che stimo, per una cena, annunciatami come tutto tranne che elettorale, non credo che questo rappresenti uno schierarsi a destra per le regionali. Se partecipo alla presentazione di un bel libro della collega sindaca di Ancona, questo non significa aver fatto una svolta a sinistra. E già lo anticipo: di certo sarò ad ascoltare Sauro Longhi, con cui mi ritengo legato da un grande rapporto personale, quando verrà a Fermo. Insomma dovrò stare attento anche alla mano con cui saluto da ora in poi. Onestamente la realtà mi porta invece a due considerazioni: da una parte i partiti e gli schieramenti che sono in campo, ormai divisi quasi fossero tifoserie, non mi appassionano perché, proprio con questa contrapposizione così violenta quasi rinunciano a ragionare sui temi che attanagliano il Paese. Dall’altra parte l’unico impegno che mi può togliere dalla mia, amata, professione è quello verso la città di Fermo, e che voglio portare avanti stando  al di sotto delle parti. Per rispetto di tutti coloro che hanno intrapreso e intraprenderanno insieme a me questo percorso, per distanza da quelle forze partitiche che negli anni precedenti di certo non hanno dato di certo il meglio per la città. Auguro ovviamente un buon percorso a chi si troverà a candidarsi per la Regione Marche e da cittadino andrò al voto anche io, con mie convinzioni basate su quanto fatto o non fatto per la città di Fermo”.

Ciarapica e Mattei radunano le truppe: anche Calcinaro e Bascioni alla cena, arriva la telefonata di Salvini


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti