facebook twitter rss

Area Appennino-Alto Fermano,
sette sindaci al lavoro: “Più servizi
di base e rilancio delle economie locali”

APPENNINO - I prossimi passi vedranno la costituzione dei tavoli tematici di lavoro, che vedranno la partecipazione degli altri enti e portatori di interesse sul territorio, e dovranno condurre all’avvio della procedura per il riconoscimento formale dell'area 'Appennino Alto Fermano'
Print Friendly, PDF & Email


Nella sede comunale di Amandola si sono riuniti gli amministratori dell’Area interna “Appennino Alto Fermano” per avviare operativamente il percorso di definizione e costruzione della nuova Strategia d’Area.

“Dando seguito all’incontro svoltosi lo scorso dicembre presso la Regione Marche, in cui il presidente Luca Ceriscioli – spiegano dalla riunione – ha evidenziato la crescente attenzione da parte del governo centrale al fine di rafforzare gli investimenti per la Strategia per le Aree Interne, invitando gli amministratori ad attivarsi tempestivamente,
i sindaci dei sette Comuni di Amandola (capofila), Montefalcone Appennino, Montefortino, Montelparo, Monte Rinaldo, Santa Vittoria in Matenano e Smerillo hanno dato avvio alla prima fase di confronto sulle possibili direttrici di azione da promuovere e condividere con il territorio.
L’Area interna del Fermano, riconosciuta con atto di giunta regionale nel luglio 2018 come quinta area interna della Regione Marche, rappresenta poco più di un quarto del territorio provinciale, con una tendenza strutturale allo spopolamento, frutto di una progressiva contrazione dei residenti. Il calo demografico, l’invecchiamento della popolazione ed un diffuso declino occupazionale esito della crisi economica che ha colpito anche questi territori, sono criticità che tendono ad accrescere la generale condizione di perifericità e marginalità rispetto ai principali poli di sviluppo della nostra provincia.
Per contrastare questo processo, che caratterizza tutto il sistema appenninico, i sindaci hanno individuato due chiare linee di azione: da un lato rafforzare i servizi di base, in particolar modo socio-sanitari e scolastici; dall’altro stimolare il rilancio delle economie locali, in particolare quelle che supportano il settore turistico, dando ampio rilievo ai segmenti di offerta, di accoglienza ed ospitalità ‘della montagna’ e del turismo naturalistico ed eco-sostenibile .
I prossimi passi vedranno la costituzione dei tavoli tematici di lavoro, che vedranno la partecipazione degli altri enti e portatori di interesse sul territorio, e dovranno condurre all’avvio della procedura per il riconoscimento formale dell’area ‘Appennino Alto Fermano’ nell’ambito della Strategia nazionale Aree Interne, con la definizione della Strategia d’Area da concertare con il comitato tecnico nazionale per le Aree Interne”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X