facebook twitter rss

Riqualificazione industriale
dell’area di crisi fermano-maceratese:
progetto approvato

CRISI - Cesetti, Canigola e Pettinari: "Ora resta l’ultimo step, cioè la firma dell’Accordo di programma, il cui schema il Mise si è impegnato a trasmettere entro il 14 febbraio 2020, e all’esito verranno emanati i relativi bandi"
Print Friendly, PDF & Email


“Riconversione e Riqualificazione Industriale dell’area di crisi fermano-maceratese, progetto approvato dal Gruppo di Coordinamento e Controllo. A breve la stipula dell’Accordo di Programma”. E’ quanto annunciano in una nota dalla Regione, nota in cui congiuntamente intervengono l’assessore regionale Fabrizio Cesetti, la presidente della Provincia di Fermo Moira Canigola e il presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari: “Al termine un percorso efficace per lo sviluppo delle attività di impresa, per il rilancio delle opportunità occupazionali e valorizzare le potenzialità dell’area”

“Si è svolta oggi, nella sede del Ministero dello Sviluppo economico a Roma, la riunione conclusiva del Gruppo di Coordinamento e Controllo dell’area di crisi complessa del distretto fermano-maceratese, che – si legge nel comunicato stampa della Regione – ha validato il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale.
Il Prri scaturisce da una fase di serrato confronto istituzionale e di intensa attività di animazione iniziati nel 2019 per far emergere i fabbisogni di investimento delle imprese dell’area e individuare le aree su cui localizzare gli interventi, anche tramite l’apposita Call scaduta a settembre 2019″.
“Si sta avviando al termine – commentano l’assessore regionale Fabrizio Cesetti, la Presidente della Provincia di Fermo Moira Canigola e il Presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari – un percorso lungo ma efficace, costruito con il Mise e con il territorio, con il supporto di Invitalia, per promuovere lo sviluppo delle attività di impresa, per il rilancio delle opportunità occupazionali e per valorizzare tutte le potenzialità di quest’area. Il Prri – continuano Cesetti, Canigola e Pettinari – mette a disposizione dell’area strumenti per l’ampliamento e la diversificazione produttiva delle imprese esistenti, per la tutela ambientale, per l’innovazione di prodotto, organizzativa e commerciale, per la digitalizzazione dei processi aziendali. Ma anche misure di politica attiva del lavoro per incoraggiare l’autoimprenditorialità dei disoccupati, per favorire il loro inserimento occupazionale nelle imprese, per contrastare il precariato e favorire il lavoro stabile e per la formazione continua. Per realizzare questo ambizioso progetto la Regione Marche mette a disposizione circa 15 milioni di euro”.

“Nell’incontro odierno, grazie al cospicuo plafond di fondi di cofinanziamento regionale, pari a 15 milioni di euro – aggiungono dalla Regione – è stato ottenuto dal Mise un ammontare di risorse corrispondenti di altri 15 milioni che stanzierà a valere sulla legge 181 per i progetti di impresa di dimensione finanziaria superiore a 1 milione di euro. Si tratta di un plafond consistente, di complessivi 30 milioni di euro, con l’impegno di Ministero e Regione Marche di incrementare le risorse se all’esito dell’istruttoria dovesse emergere la necessità di finanziare progetti per un importo superiore.
Ad integrazione delle risorse per le imprese e per i lavoratori ci saranno anche i fondi per il sostegno al reddito dei lavoratori, dopo che la legge di bilancio 2020 ha incluso l’area di crisi fermano-maceratese tra quelle che possono usufruire dei benefici dell’art. 44 comma 11, bis del d.lgs. 148/2015″. “Siamo ottimisti sul fatto che venga accolta una nostra specifica richiesta di integrazione all’utilizzo di questi fondi anche per la proroga della Naspi”, il commento dell’assessore e dei presidenti di Provincia.

“Per quanto riguarda le infrastrutture individuate nell’istanza e recepite nel Prri con l’aggiunta degli interventi per la difesa della costa – la puntualizzazione dalla Regione – non essendosi ancora concluso il confronto tecnico politico con i Ministeri competenti sulle priorità da realizzare nell’area e sulle modalità di esecuzione, il Prri rinvia alla costituzione di un tavolo istituzionale e ad un addendum all’Accordo di programma”. E questo perché – ribadiscono – la progettualità per le imprese sottesa alla strategia dell’area di crisi non può essere ulteriormente ritardata dagli atteggiamenti del Mit e del Mattm che fanno fatica ad assumere impegni precisi e a produrre fatti nei confronti del territorio. Fatti assolutamente necessari ed urgenti in quanto – come più volte ribadito – senza un accordo sulle misure infrastrutturali da realizzare, con la precisa indicazione degli impegni finanziari anche dei Ministeri competenti, qualsiasi strategia perderà di credibilità ed efficacia, in quanto carente di una delle leve necessarie su cui puntare per attrarre investimenti e rilanciare l’area di crisi. Ora – concludono Cesetti, Canigola e Pettinari – resta l’ultimo step, cioè la firma dell’Accordo di programma, il cui schema il Mise si è impegnato a trasmettere entro il 14 febbraio 2020 – e all’esito verranno emanati i relativi bandi nazionali e regionali con l’individuazione delle misure per le imprese ed i lavoratori”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X