fbpx
facebook twitter rss

Tre stalle e un fienile distrutti dal vento
L’allevatore Di Mulo: “Un disastro,
non posso far morire le mie pecore”

AMANDOLA - L'imprenditore agricolo sta cercando qualcuno che possa ospitare le sue pecore: "Ma tra chi utilizza le strutture come deposito del fieno o come riparo per i propri animali non so proprio cosa fare"
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Un autentico disastro: stavolta per l’imprenditore agricolo Massimo Di Mulo è impossibile fare la conta dei danni. Il fortissimo vento che per tutta la notte ha battuto anche l’area interna ha scoperchiato tutte e tre le stalle, oltre al fienile dell’azienda di Amandola.

L’amara, anzi, amarissima sorpresa alle 5.30 del mattino, con la stalla già danneggiata la scorsa settimana che, ancora una volta, portava i segni del maltempo: nessun telo a coprire le pecore di razza lacaune, all’interno di una delle strutture fornite dalla Regione allo stesso Di Mulo a seguito dei danni subiti con il terremoto del 2016.

Poi alle 6.15 il vento ha colpito ancora, aprendo letteralmente una seconda stalla. “Le pecore sono ancora lì – racconta con la voce rotta – ma parecchie sono rimaste senza mangiare perché rischiavo di farmi male. Un telo è volato via proprio mentre ero lì, volava di tutto, anche i cancelli, così ho detto a mia moglie e all’operaio di andare subito via”.

Verso le 7.30 è toccato alla stalla con le pecore più giovani. “Ho visto il telo che circa a 3 metri di altezza si è aperto” sottolinea.

Di Mulo ha provato a contattare i responsabili della Regione e al momento resta in attesa. Mentre il vento continua a soffiare con molta intensità. “Qualcosa però devo inventarmi. Sto anche cercando qualcuno che possa ospitare le mie pecore, ma tra chi utilizza le strutture come deposito del fieno o come riparo per i propri animali non so proprio cosa fare. Di sicuro non posso farle morire”.

Quel che resta delle struttura, intanto, continua a tremare. “È pericolosissimo avvicinarsi, se parte un tirante si rischia di morire – conclude -. E vedere questa scena fa solo venire da piangere”.

Agnellino muore di freddo: i teli provvisori non bastano “Compromessa la produzione del latte”

Il forte vento scoperchia una stalla con 200 pecore all’interno “La Regione non ci ha voluto ascoltare”

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X