fbpx
facebook twitter rss

L’Arcivescovo Pennacchio scrive agli operatori della sanità: “Siete esemplare testimonianza dell’amore e della dedizione verso i bisognosi”

LETTERA - "Cari infermieri e medici, nell’attuale emergenza sanitaria, vi affido la possibilità di donare la benedizione ai malati che sono in pericolo di vita, qualora per l’assenza temporanea del sacerdote rischiassero di morire senza l’ultima carezza di un conforto spirituale"
Print Friendly, PDF & Email

Parla di rispetto ed ammirazione l’Arcivescovo di Fermo Monsignor Rocco Pennacchio che ha voluto scrivere una lettera aperta, indirizzata a tutti gli operatori della sanità, per manifestare la sua prossimità a quanti, in questi giorni difficili, si stanno spendendo con autentica abnegazione. Ecco il testo.

Carissimi medici, infermieri, operatori socio-sanitari,

la sensazione che stiamo vivendo da quasi un mese è quella di percorrere con incertezza un tunnel del quale non riusciamo a intravedere oggi la fine e nel quale sembra non abbiamo punti di riferimento. Il mio pensiero va, in particolare, a coloro che, in questo tempo così drammatico e delicato, sono costretti a distaccarsi dai propri cari senza poterli accompagnare, vedere, toccare, piangere, salutare. Tutto ciò provoca lacerazione e tristezza nel nostro cuore.

Vorrei, con questo messaggio, accostarmi con rispetto e ammirazione a voi medici, infermieri, operatori socio-sanitari. Ogni giorno lottate con professionalità e vi spendete con amore per dare speranze e certezze a tutti noi. Ogni giorno combattete contro la malattia e vi prendete cura delle nostre sorelle e fratelli ammalati, e ciò, spesso, in situazioni precarie, con limitate risorse economiche e sanitarie. In ogni momento siete chiamati ad esercitare con scrupolosità il vostro lavoro e, allo stesso tempo, ad «essere prossimi e custodi» delle persone inferme, alle quali non è possibile purtroppo assicurare il calore e il conforto dei propri familiari.

Nella vostra missione non sempre potete dedicare tempo e cura a voi stessi, alle vostre famiglie, ai vostri amici, né potete dire «siamo stanchi», perché costretti a ricoprire turni spossanti di lavoro per far fronte all’emergenza di un contagio che vivete anche nella vostra carne. Rischiate ogni giorno la vita per difendere quel bene comune, prezioso e fragile, che è la nostra salute e purtroppo, non manca giorno che non arrivi notizia di vostri colleghi che questa vita l’hanno sacrificata. A loro va la preghiera di suffragio e la nostra vicinanza spirituale alle loro famiglie.

Anch’io, come tutti, resto a casa, al riparo da rischi di contagio ma il mio pensiero e il mio affetto sono continuamente rivolti a ciascuno di voi. Come amico e fratello, come padre e pastore del popolo di Dio a me affidato, sento il dovere di esprimervi il mio e nostro ringraziamento per l’impegno e la solidarietà che state testimoniando. Oggi, voi incarnate quell’attenzione che ebbe, ci racconta il Vangelo, un Samaritano, mosso dalla compassione per la cura di un ferito che era stato da altri ignorato. Siete perciò un’esemplare testimonianza dell’amore e della dedizione verso tutti i bisognosi di cure. Vi assicuro il mio abbraccio, la mia preghiera e quella del nostro popolo credente, che mai come in questo momento si affida a voi.

Mi preme inoltre dirvi che potete confidare sempre sulla disponibilità, sul conforto, sulla prossimità dei vostri cappellani ospedalieri. Anche se, per le giuste restrizioni imposte dalle norme, non possono rendersi presenti come vorrebbero, sono in ospedale con voi e per voi, a intercedere nella preghiera, a donare parole di conforto e di speranza, affinché nessuno si scoraggi in quest’ora di prova.

In circostanze straordinarie, la benedizione del Signore può essere impartita anche da ogni fedele battezzato. Perciò, cari infermieri e medici, nell’attuale emergenza sanitaria, vi affido la possibilità di donare la benedizione ai malati che sono in pericolo di vita, qualora per l’assenza temporanea del sacerdote rischiassero di morire senza l’ultima carezza di un conforto spirituale. Sarà un’opera di misericordia che non verrà dimenticata. I cappellani, se vorrete, vi daranno indicazioni al riguardo.

Giunga a tutti voi il mio incoraggiamento e la mia solidarietà. La dedizione per il vostro lavoro e, per chi è credente, la fede nel Signore, siano i punti di riferimento in questo momento difficile della nostra storia. Restiamo saldi nella speranza di vedere presto la luce. Maria, salute degli infermi, ci protegga.

+ Rocco Pennacchio

Arcivescovo

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X