facebook twitter rss

Quando l’ansia si riflette sullo stomaco:
i rimedi più efficaci

Print Friendly, PDF & Email

In questo periodo non è raro soffrire di una qualche forma di ansia che comporta uno stato di agitazione che può riguardare anche parti del corpo come lo stomaco. L’ansia, infatti, è un disturbo di tipo psicologico che attacca su più livelli, da quello comportamentale a quello cognitivo fino ad arrivare a quello fisico. Ora cercheremo di capire perché lo stomaco è una delle parti più colpite e come porre rimedio a tale problema.

 

Lo stomaco è come un secondo cervello

L’essere umano nella sua evoluzione ha trasferito le sue capacità organizzative e mentali al cervello, ma negli stadi precedenti queste capacità erano gestite da organi maggiormente legati alla sopravvivenza spicciola, come il fegato, l’intestino e lo stomaco. Le funzionalità intellettive di questi organi col tempo si sono assopite, ma, quando serve, esse ritornano a rispondere, soprattutto se si verificano situazioni eccezionali. È l’istinto che ci difende dai pericoli quando il cervello preferisce non vedere, e, in questi casi, lo stomaco lancia segnali inequivocabili, creando contrazione e tensione. In pratica lo stomaco funziona come un secondo cervello, che riapre il canale di comunicazione con quello apicale. Infatti, quando si crea una emergenza, lo stomaco si attiva perché il cervello intervenga, creando un senso di mancanza di equilibrio e provocando in tal modo l’insorgere dell’ansia. Il risultato, soprattutto se non si interviene subito, è abbastanza deleterio e può causare una dispepsia funzionale, non dovuta a cause organiche, come ulcere, calcoli o gastrite. Ma la dispepsia funzionale, per quanto non sia originata da cause meccaniche evidenti, è altrettanto deleteria di quella organica. E ormai anche la medicina ufficiale ne attribuisce la causa all’ansia, allo stress e alla depressione. Per fortuna però ci sono alcuni rimedi semplici ed efficaci da mettere in pratica.

 

I rimedi per alleviare ansia e mal di stomaco

Il rimedio più efficace, per fermare gli effetti della dispepsia funzionale, è certamente quello di dominare l’ansia ed eliminarne le cause, ma è più facile a dirsi che a farsi. E comunque, quando gli effetti sono in pieno sviluppo, bisogna intervenire direttamente su di essi. Effetti come pesantezza e bruciore, gonfiore e dolori intestinali, aria, nausea, vomito e diarrea vanno arginati subito, perché quando arrivano ci si sente impotenti e spossati. Le vie per stare meglio sono almeno due. La prima è farmacologica e comporta il ricorso a farmaci procinetici, che alleviano il mal di stomaco, sbloccano la digestione e agevolano l’assorbimento dei succhi gastrici. Per trovare i rimedi giusti, si può anche ricorrere al web, dove ci sono tanti prodotti per lo stomaco e l’intestino venduti in farmacie online tipo Shop Farmacia. La seconda maniera per ridurre i dolori somatici da ansia è quella di curare lo stile di vita e l’alimentazione. Fare attività fisica in maniera regolare e quotidiana, possibilmente all’aria aperta, consumare i pasti a intervalli regolari ed eliminare i cibi pesanti è fondamentale per tornare progressivamente a una situazione di normalità, smettendo al contempo di assumere i medicinali.

 

Guest Post

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti