facebook twitter rss

Mascherine per la protezione civile: la donazione del Comune ungherese di Varpalota

SANT’ELPIDIO A MARE – Sono in partenza, dal comune ungherese di Varpalota, per volontà del Sindaco Marta Talabér Campanari, pacchi di mascherine destinate alla Protezione Civile come segno di vicinanza e fratellanza da parte della comunità ungherese con la quale il territorio elpidiense è gemellato.
Print Friendly, PDF & Email

Nella foto di archivio, il sindaco Terrenzi con il Sindaco Talabér

Tante la manifestazioni di solidarietà che si stanno concretizzando, in questi giorni, nei confronti del Comune elpidiense da più fronti. Sono in partenza, dal comune ungherese di Varpalota, per volontà del Sindaco Marta Talabér Campanari, pacchi di mascherine destinate alla Protezione Civile come segno di vicinanza e fratellanza da parte della comunità ungherese con la quale il territorio elpidiense è gemellato.

“Il rapporto di fratellanza – dice il Sindaco di Varpalota – si manifesta anche nel momento del bisogno. Auguriamo agli amici italiani di uscire presto dalla difficile situazione che stanno vivendo”.
“Ringrazio la comunità di Varpalota per esserci vicini anche in questo momento di difficoltà – dice il Sindaco, Alessio Terrenzi – e ringrazio personalmente la collega Marta Talabér ed il nostro concittadino, Gianfranco Campanari, che so essersi adoperato personalmente per esserci vicino in questo momento. Sono certo che quando finirà questa emergenza potremo ritrovarci legati da un affetto ancora maggiore e con la voglia di momenti di condivisione e di scambio tra le nostre comunità”.
Solidarietà ungherese, da una parte, ma anche da elpidiensi che si sono mobilitati per donare mascherine al Gruppo comunale di Protezione Civile.

“Ringrazio Martina Simoni, la Tecnofilm, TP Eighteen srl, Paolo Mattiozzi per le donazioni effettuate – aggiunge il Sindaco – ed anche il comitato Vento di Levante che ha pensato a noi dalla Cina”.

Risale ai giorni scorsi, infatti, l’arrivo di mascherine donate da un gruppo di persone volontarie e indipendenti che hanno costituito un comitato, no-profit e temporaneo, formato da cittadini cinesi che vivono, lavorano e studiano in Italia da tanti anni. Per Sant’Elpidio a Mare si tratta di una donazione arrivata da private famiglie e, nel caso specifico da parte di una bambina che si chiama Monica e che ha voluto manifestare la sua vicinanza a bambini e famiglie elpidiensi con una donazione di mascherine.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti