facebook twitter rss

Sostegno a turismo e ristorazione
Al lavoro su suolo pubblico, concessioni demaniali
e imposta di soggiorno: le idee di Calcinaro

FERMO - Il primo cittadino parla di "ampliamento a costo zero, ed anche in deroga, delle occupazioni del suolo pubblico, estensione spaziale temporanea delle concessioni balneari e sterilizzazione, per il 2020 dell’imposta di soggiorno"
Print Friendly, PDF & Email

“Tre prime idee immediate e importanti per sostenere il settore turistico e quello della ristorazione e mescita così pesantemente colpiti”. Inizia così un post del sindaco Paolo Calcinaro sul suo profilo Facebook nell’elencare alcune proposte che lo stesso primo cittadino avanza per, appunto, “sostenere” turismo, ristorazione e mescita.

Il sindaco di Fermo ipotizza, innanzitutto: “l’ampliamento a costo zero, ed anche in deroga, delle occupazioni del suolo pubblico per permettere il maggiore distanziamento sociale possibile per quei bar, ristoranti, pizzerie che si troveranno a dover cambiare l’attuale organizzazione”. E poi “l’estensione spaziale temporanea delle concessioni balneari da richiedere al Demanio, sempre con la salvaguardia delle nostre ampie e splendide spiagge libere, e la sterilizzazione, per il 2020 dell’imposta di soggiorno per evitare complicazioni burocratiche di cui oggi non si sente proprio il bisogno”.

“Pur nelle difficoltà economiche in cui anche un Comune sta versando a causa del Covid, su queste iniziali tre direttrici stiamo lavorando come giunta già in queste stesse ore. Ovviamente queste sono prime, importanti, misure ma non saranno le uniche di sostegno pur rimanendo in attesa di quello che sarà il sostegno ai Comuni da parte dello Stato: con una seconda fase vorremmo intervenire anche nei confronti di tutte quelle altre attività che hanno subito uno stop con il Covid.
Ovviamente a queste attività prossime e future si affianca il gran lavoro dei Servizi Sociali che in queste settimane stanno distribuendo o erogando circa mezzo milione di sostegni economici ad una platea, purtroppo, molto ma molto ampia”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti