facebook twitter rss

Cna di Fermo a tutto campo per chiarire come riaprire il 4 maggio

IMPRESE - Dispositivi di protezione individuale, mascherine, prodotti igienizzanti, sanificazione, normativa, formazione specifica. La Cna di Fermo a tutto campo per chiarire alcuni tra gli aspetti fondamentali per le imprese che il 4 maggio riapriranno i battenti e per quelle che, dovendo attendere un periodo più lungo, utilizzeranno questi giorni per prepararsi.  
Print Friendly, PDF & Email

 

Il primo chiarimento è sul prezzo imposto per le mascherine – spiega Alessandro Migliore, direttore generale CNA Fermo e responsabile Federmoda per Fermo e Maceratagli 0,50 cent di cui ha parlato il Premier si riferiscono alle mascherine chirurgiche monouso. Siamo d’accordo con la volontà di calmierare i prezzi in favore di cittadini e lavoratori ma, come Cna, evidenziamo la necessità di ristorare quelle imprese che, nel momento del bisogno, hanno dimostrato disponibilità. Imprese che oggi si sentono sedotte e abbandonate, proprio dallo Stato”.

Migliore indica nell’abbattimento dell’IVA, la defiscalizzazione della spesa da parte del contribuente, la messa a disposizione di voucher, alcune strade per far sì che il costo indicato dal Governo non sia lesivo per la nostra manifattura. “A riconvertire sono state aziende di filiera del territorio – riferisce Migliore – che realizzano non mascherine monouso ma prodotti di elevata qualità, sanificabili e riutilizzabili. Lo hanno fatto sostenendo costi: dall’approvvigionamento dei materiali al personale, all’aggiornamento delle condizioni di sicurezza, per non parlare di una voce di spesa consistente come i test di laboratorio, che permettono al consumatore finale di ottenere un prodotto certificato”.

Un altro aspetto su cui Cna Fermo tiene a fare chiarezza è quello della sanificazione dei locali. Attenzione: non è obbligatorio sanificare la propria attività se non ci sono stati casi accertati o presunti di Covid19. Per cui può essere lo stesso imprenditore a svolgere la sanificazione in prima persona, rispettando i protocolli di sicurezza e utilizzando i prodotti idonei.

A proposito di sanificazione – ricorda il Presidente Territoriale di Cna Fermo, Paolo Silenzievidenziamo che per accedere al credito di imposta pari al 50% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 20.000  euro per tutto il 2020, come indicato nell’art. 30 del DL Liquidità, bisogna rivolgersi ad imprese iscritte alla Camera di Commercio, con apposita nomenclatura di azienda di sanificazione in visura, e che abbiano indicato il responsabile tecnico del sistema di sanificazione”.

Per agevolare imprese e cittadini su chi produce i dpi e chi li rivende, le aziende che fanno sanificazione, la normativa vigente e i percorsi di formazione a distanza per i lavoratori le Cna di Fermo e Macerata hanno predisposto la pagina “Ripartiamo in Sicurezza!”, presente sui siti istituzionali delle due territoriali, che contiene tutte le informazioni e i riferimenti delle aziende convenzionate con Cna. Gli esperti del Dipartimento Ambiente e Sicurezza di CNA sono a disposizione per seguire le aziende in vista del riavvio delle attività.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti