facebook twitter rss

Verso la Fase 2, nella provincia di Fermo
previste 15.074 riaperture:
mobilitati 45.873 addetti

IMPRESE - Secondo la Camera di Commercio delle Marche per la provincia di Fermo le possibili aperture sono 15.074 , per 45.873 addetti
Print Friendly, PDF & Email

Da lunedì prossimo ha inizio l’attesa fase 2 dell’emergenza sanitaria (ed economica) che il Paese sta vivendo. Il dpcm dello scorso 26 aprile ha disposto la possibilità di apertura per i settori di Manifattura, nella sua totalità, Costruzioni, Commercio all’ingrosso. Per le Marche si tratta di 118.336 imprese, oltre 58.400 in più rispetto a quanto stabilito dal decreto del 10 aprile, con il coinvolgimento potenziale di 406.146 addetti.

Per la provincia di Fermo le possibili aperture sono 15.074 , per 45.873 addetti

“Al solito va ricordato che questi dati non fotografano una realtà effettiva ma virtuale – piega il Segretario Generale dell’Ente Fabrizio Schiavoni – la scelta di alcuni imprenditori potrebbe essere quella di non aprire immediatamente ad esempio per l’incompletezza della catena dei rifornimenti, o per marginalità economiche ancora insufficienti. Inoltre il codice ATECO si riferisce solo alle attività primarie collegate alla classificazione (dunque il numero è sottostimato perché non tiene conto delle attività secondarie che potrebbero fare capo a una stessa azienda); e poi rimane la possibilità per le imprese funzionali ad altre che possono rimanere aperte, di proseguire nella loro attività comunicandolo alla Prefetture. Invitiamo gli imprenditori a consultare gli strumenti che il sistema camerale offre per orientarsi al meglio tra le diverse disposizioni”

Sul sito www.registro.imprese.it è possibile conoscere il proprio codice ATECO, www.sostegnoexport.it fornisce indicazioni sui partner commerciali esteri e il portale www.ripartireimpresa.unioncamere.it raccorda una serie di disposizioni normative riprese anche dalla sezione Strumenti per l’emergenza di Camera Marche che raccoglie informazioni utili e aggiornamenti normativi da fonti istituzionali (Ministero dello Sviluppo Economico, Unioncamere, Regione Marche in primis) rivolte a imprese e cittadini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti