facebook twitter rss

Coronavirus, i ricoveri
al Murri scendono ancora: siamo a 19
Altra giornata senza decessi

FERMANO - Dai 20 ricoveri di ieri si è passati a 19 poiché un paziente, proprio grazie al miglioramento delle sue condizioni di salute, è stato trasferito alla struttura sanitaria di Campofilone che, attualmente, conta 60 ricoveri. L'Inrca invece ne conta 20. E, per quanto riguarda gli isolamenti domiciliari, ad oggi pomeriggio nel Fermano se ne contano 427, di cui 126 sintomatici
Print Friendly, PDF & Email

Altra giornata senza decessi e i ricoveri scendono sotto quota “20”. Due splendide notizie per l’ospedale Murri di Fermo che, dunque, fortunatamente nemmeno oggi vede arrestare il trend positivo in materia di ricoveri e decessi a causa del Coronavirus. Dopo aver rapidamente superato al ribasso la quota ’30’ sui ricoveri, quota vista solo pochi giorni fa come un grande obiettivo, oggi centrato, per la sanità fermana, con in testa il suo direttore di Area vasta 4 , Licio Livini, già oggi si è arrivati a 19.

E pensare che, come ricordato proprio ieri dallo stesso Livini, solo un mese fa di ricoveri al Murri se ne contavano ben 87. Ma alla gioia si uniscono la determinazione a non mollare, anche in vista della Fase 2 che scatterà lunedì, e di non abbassare mai la guardia. Comunque quelli che arrivano anche oggi dal nosocomio fermano fanno gioire. Dai 20 ricoveri di ieri si è passati a 19 poiché un paziente, proprio grazie al miglioramento delle sue condizioni di salute, è stato trasferito alla struttura sanitaria di Campofilone che, attualmente, conta 60 ricoveri. L’Inrca invece ne conta 20. E, per quanto riguarda gli isolamenti domiciliari, ad oggi pomeriggio nel Fermano se ne contano 427, di cui 126 sintomatici.

Su scala regionale, invece, il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono purtroppo 11 le persone decedute a causa del Coronavirus. Salgono così a 927 i decessi nelle Marche, a causa del Covid19, con un’età media di 80,4 anni e per il 94,75% con patologie pregresse.

Covid19, Livini: “Da 87 a 20 ricoveri in meno di un mese, lavoro egregio lungi da assillanti pressioni”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti